Sei in: Home » Articoli

Cassazione: L'azione diretta del danneggiato nei confronti dell'assicuratore non è sempre ammessa

"A mente dell'art. 1917 c.c. nell'assicurazione per la responsabilità civile l'assicuratore è obbligato a tenere indenne l'assicurato di quanto questi debba pagare ad un terzo. Ne consegue che la regola generale posta dalla norma in esame è che soltanto l'assicurato è tenuto ad agire nei confronti del proprio assicuratore e non il terzo nei cui confronti il medesimo non è tenuto né per vincolo contrattuale né a titolo di responsabilità aquiliana”. E' quanto ha di recente osservato la Corte di Cassazione (Sent. 9516/2007) precisando, tra le altre cose, che “il nostro ordinamento prevede due eccezioni espressamente disciplinate dalla legge n. 990 del 1969 (in tema di circolazione di veicoli e natanti) e dalla legge n. 978 del 1977 (in tema di esercizio della caccia), eccezioni che proprio perché tali non sono estensibili ad altre situazioni”. Solo in questi due casi pertanto è ammessa l'azione diretta del terzo danneggiato nei confronti dell'assicuratore.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(13/06/2007 - Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF