Sei in: Home » Articoli

Sanita': stop da Cassazione all'abusivismo nell'esercizio della professione dello psicologo

La Corte di Cassazione ha definitivamente bandito l'abusivismo nell'esercizio della professione dello psicologo affermando a chiare lettere che la diagnosi psicologica e' di competenza esclusiva degli psicologi abilitati.
Il principio è stato enunciato, a chiusura di una lunga vicenda giudiziaria durata 6 anni, con una sentenza che ha voluto sottolineare la necessità di riconoscere dignità alla professione dello psicologo, indipendentemente dal campo in cui viene esercitata. Proprio per questo, spiega la corte, essa deve competere solo a che ne ha i requisiti.
La decisione ha reso così definitiva una condanna per il reato di esercizio abusivo della professione di psicologo.
''La sentenza - spiega Giuseppe Luigi Palma, presidente dell'Ordine del consiglio nazionale dell'ordine degli psicologi - rappresenta una garanzia non solo per noi psicologi, ma anche per gli utenti, che hanno diritto a ricevere prestazioni adeguate dai professionisti''.
Nel caso esaminato dalla corte si è stabilito che anche i percorsi di selezione del personale che prevedono diagnosi psicologiche devono essere affidati a professionisti qualificati.
(30/05/2007 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Pensioni: le novità in arrivo
» Il rifiuto di sottoporsi ad alcoltest può risultare non punibile
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
» Usucapione: legittimo l'accordo di accertamento dinanzi al notaio
» Ddl riscossione: niente più cartelle per debiti irrisori
In evidenza oggi
Obbligare la moglie a discutere è reatoObbligare la moglie a discutere è reato
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF