Sei in: Home » Articoli

Incarichi e rapporti di collaborazione con le amministrazioni pubbliche

Le riforme delle amministrazioni pubbliche da sempre non solo hanno interessato le loro strutture e le cd. norme di azione, ossia quelle che regolano funzionamento e attività dei poteri pubblici, ma hanno anche coinvolto la disciplina e la classificazione del personale di cui tali amministrazioni si avvalgono. Così, l?esigenza non più differibile di porre in essere un?amministrazione efficiente, nella quale sprechi, ritardi e clientelismi fossero ridotti al minimo e dalla quale, soprattutto, i conti pubblici non venissero inghiottiti, ha imposto negli ultimi anni il ripensamento del concetto stesso di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche.
Pertanto, salvo settori di particolare delicatezza o rilevanza, l?impiego pubblico è stato assimilato a quello privato, pur senza realizzare una piena integrazione tra i due tipi di lavoro, ma unificando nel nuovo impiego pubblico privatizzato gli aspetti migliori o ineliminabili di ciascuno dei due. La privatizzazione, disposta all?inizio degli anni ?90 con la Legge delega 421/1992 e realizzata nella sua prima stesura con il D.Lgs. 29/1993, poi modificato e confluito nel D.Lgs. 165/2001, si è concretizzata nella riconduzione di tutti gli aspetti dell?organizzazione e della gestione giuridica ed economica dei lavoratori alla disciplina privatistica e a quella della contrattazione collettiva nazionale di lavoro. Le disposizioni emanate sull?impiego pubblico privatizzato dal 1993 in poi sono state successivamente riordinate in un Testo Unico, il citato D.Lgs. 165/2001, a sua volta variamente integrato e modificato da numerosi interventi normativi; in tali corpi normativi sono state tracciate le linee generali di organizzazione degli uffici pubblici e gli aspetti più delicati dei fondamenti del lavoro pubblico. La riforma, d?altronde, non è stata solo il punto di arrivo di un lungo dibattito e di una lunga evoluzione giuridica, ma anche il punto di partenza di una produzione normativa ingente e stratificata, volta alla sempre più marcata trasformazione dell?impiego pubblico; questo, infatti, è stato utilizzato come strumento principale di evoluzione.......... LaPrevidenza.it, 22/05/2006
Articolo di Aldo Niccoli - www.laprevidenza.it
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(12/06/2006 - www.laprevidenza.it)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF