Sei in: Home » Articoli

Incarichi e rapporti di collaborazione con le amministrazioni pubbliche

Le riforme delle amministrazioni pubbliche da sempre non solo hanno interessato le loro strutture e le cd. norme di azione, ossia quelle che regolano funzionamento e attività dei poteri pubblici, ma hanno anche coinvolto la disciplina e la classificazione del personale di cui tali amministrazioni si avvalgono. Così, l?esigenza non più differibile di porre in essere un?amministrazione efficiente, nella quale sprechi, ritardi e clientelismi fossero ridotti al minimo e dalla quale, soprattutto, i conti pubblici non venissero inghiottiti, ha imposto negli ultimi anni il ripensamento del concetto stesso di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche.
Pertanto, salvo settori di particolare delicatezza o rilevanza, l?impiego pubblico è stato assimilato a quello privato, pur senza realizzare una piena integrazione tra i due tipi di lavoro, ma unificando nel nuovo impiego pubblico privatizzato gli aspetti migliori o ineliminabili di ciascuno dei due. La privatizzazione, disposta all?inizio degli anni ?90 con la Legge delega 421/1992 e realizzata nella sua prima stesura con il D.Lgs. 29/1993, poi modificato e confluito nel D.Lgs. 165/2001, si è concretizzata nella riconduzione di tutti gli aspetti dell?organizzazione e della gestione giuridica ed economica dei lavoratori alla disciplina privatistica e a quella della contrattazione collettiva nazionale di lavoro. Le disposizioni emanate sull?impiego pubblico privatizzato dal 1993 in poi sono state successivamente riordinate in un Testo Unico, il citato D.Lgs. 165/2001, a sua volta variamente integrato e modificato da numerosi interventi normativi; in tali corpi normativi sono state tracciate le linee generali di organizzazione degli uffici pubblici e gli aspetti più delicati dei fondamenti del lavoro pubblico. La riforma, d?altronde, non è stata solo il punto di arrivo di un lungo dibattito e di una lunga evoluzione giuridica, ma anche il punto di partenza di una produzione normativa ingente e stratificata, volta alla sempre più marcata trasformazione dell?impiego pubblico; questo, infatti, è stato utilizzato come strumento principale di evoluzione.......... LaPrevidenza.it, 22/05/2006
Articolo di Aldo Niccoli - www.laprevidenza.it
(12/06/2006 - Laprevidenza.it)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF