Sei in: Home » Articoli

Cassazione: se il fallimento dura più di cinque anni lo Stato deve risarcire il danno

Nella fattispecie la corte d'appello aveva considerato come ragionevole una durata di nove anni
Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione
La Cassazione è stata chiara: se il fallimento dura più di cinque anni lo Stato deve risarcire il danno. Nei casi in cui sorgano particolari difficoltà si può tutt'al più arrivare a sette anni. Ma superati questi limiti scatta il diritto al risarcimento del danno ai sensi della legge Pinto (legge n.89 del 2001)

Come si legge nella sentenza della corte di cassazione (la n. 10233/15 del 19 maggio qui sotto allegata), la Corte d'appello, aveva considerato come ragionevole una durata di nove anni in considerazione della complessità della procedura e si limitava quindi liquidare ai ricorrenti il danno solo in relazione agli anni successivi.

I ricorrenti nel ricorso per Cassazione evidenziavano come la corte di appello avesse determinato la durata ragionevole della procedura fallimentare in nove anni, "in contrasto con le indicazioni della giurisprudenza di legittimità, secondo cui la detta durata può essere al massimo di sette anni".

La suprema corte ha accolto il ricorso richiamando anche un precedente giurisprudenziale (la sentenza n. 8468 del 2012)  in cui si era già chiarito  che "la durata ragionevole delle procedure fallimentari può essere stimata in cinque anni per quelle di media complessità, ed è elevabile fino a sette anni allorquando il procedimento si presenti notevolmente complesso". 

Ma, rimarca la corte, si può parlare di complessità solo nei casi in cui si è in presenza di un numero elevato di creditori o nel caso di "di una particolare natura o situazione giuridica dei beni da liquidare (partecipazioni societarie, beni indivisi ecc.)"  oppure ancora, nel caso di una "proliferazione di giudizi connessi alla procedura".

Qui di seguito il testo integrale della sentenza.
Cassazione Civile, testo sentenza 10233/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(21/05/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF