Sesso sadomaso? Lecito solo se c'è il consenso

Sadomasochismo e sesso estremo sono da ritenersi leciti finchè c'è il consenso. Se questo viene meno è reato
violenza sessuale donne

di Marina Crisafi – Sadomaso, bondage, sesso estremo e pratiche di dominanza e sottomissione, ultimamente tornate “di moda” grazie ai bestseller sull'argomento e al cinema (uno per tutti “50 sfumature di grigio”), sono sicuramente lecite! Ognuno è libero, infatti, di vivere il sesso come preferisce, purché ci sia il consenso dell'altro. Altrimenti è reato.

Lo ha sancito la Cassazione con la sentenza n. 16899 pubblicata ieri.

Chiamata a pronunciarsi sul ricorso di un uomo condannato a sei anni di reclusione per il reato di violenza sessuale continuata e lesioni personali aggravate nei confronti di una ragazza affetta da handicap grave (non assurgente però ad uno stato di incapacità di intendere e volere tale da impedirle di accettare o ricercare rapporti sessuali), la S.C. ha colto l'occasione per fare un doveroso accenno sulla rilevanza penalistica delle pratiche sessuali estreme.

È vero che il sesso è libero in quanto costituisce “uno degli essenziali modi di espressione della persona umana, rientranti tra i diritti inviolabili tutelabili costituzionalmente”, hanno spiegato, infatti, i giudici del Palazzaccio, ma è del pari innegabile che non si tratta di una libertà “indisponibile, occorrendo una forma di collaborazione reciproca tra soggetti che vengono in relazione sessuale tra loro”.

A maggior ragione nell'ambito delle pratiche sadomasochistiche, hanno aggiunto i giudici, in cui si instaura, per la parte sadica “un rapporto caratterizzato dalla tendenza di un determinato soggetto a provare piacere fisico o interiore nell'infliggere ad altri una sofferenza e per la parte masochistica, da una particolare forma di inclinazione psico-sessuale del partner passivo consistente nel provare la necessità di farsi umiliare e/o subire maltrattamenti”, come ad adempio nella pratica estrema del “bondage”, consistente nell'immobilizzare il partner, provocandogli anche lesioni o ematomi di significativa intensità ed estensione.

Riportandosi, espressamente, ai principi della Cedu, la quale nella sentenza 17 febbraio 2005 (causa K.A. e A.D. contro Regno del Belgio), ha negato dignità di “diritto soggettivo” al sadismo riconoscendo piuttosto che ogni pratica di estrema violenza non è scriminata per via dell'esercizio di un diritto ma, nei limiti della sua disponibilità, solo dal consenso (informato e consapevole) della vittima, la S.C. ha ribadito che “una simile manifestazione di erotismo” è una forma di espressione sessuale ammissibile “fino a quando non danneggia la normale vita quotidiana del soggetto”.

Rapporti sadomasochisti e inclinazioni sessuali di tale natura, pertanto, non possono certo definirsi illeciti o fonte di responsabilità penale, purchè siano caratterizzati “da un reciproco scambio di consensi informati, liberi e revocabili e a condizione che i soggetti interessati non si trovino in situazioni patologiche, la cui presenza finirebbe con il neutralizzare il consenso, rendendolo privo di effetti giuridici per carenza della piena capacità di intendere e di volere”.

Ciò è avvenuto, nel caso di specie, hanno ritenuto gli Ermellini confermando le condanne, dove l'iniziale consenso della ragazza è venuto meno nel momento in cui l'imputato era ricorso a strumenti e metodi (come bruciature con mozziconi di sigarette spenti sui capezzoli, tagliuzzamenti praticati in zone del corpo, ecc.), per nulla accettati che avevano fatto sconfinare i rapporti sessuali verso forme di consumazione non certo condivise. 

(24/04/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: cassazionisti senza esami per tutti gli iscritti ante riforma
» Avvocati: albi online senza segreti
» Tribunale di Fermo: inammissibili i capitoli di prova se contengono le parole "vero che". Tu cosa pensi?
» Padre immaturo? Il figlio va con la madre
» Affitto: la cauzione va restituita anche in caso di danni
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF