Sei in: Home » Articoli

Magistrati: i più pagati in tutta Europa sono gli italiani

A segnalarlo è il rapporto del Consiglio d'Europa realizzato dalla Commissione per l'efficienza della giustizia e pubblicato nei giorni scorsi.
sentenza cassazione giudice martello

Sono i magistrati italiani i più pagati in tutta l'Eurozona. A segnalarlo è il rapporto del Consiglio d'Europa realizzato dalla Commissione per l'efficienza della giustizia e pubblicato nei giorni scorsi.

Sulla base di quanto emerge dal dossier, che fa i conti in tasca alle toghe nostrane con dati aggiornati al 2012, i giudici italiani guadagnano cifre notevolmente superiori rispetto ai colleghi degli altri Stati membri sia ad inizio che a fine carriera.

Nel primo caso, i guadagni si attestano su oltre 6.000 euro netti in più all'anno procapite (corrispondenti in valore assoluto a quasi 34.000 euro netti di stipendio annuo per il magistrato italiano contro i poco più di 27.500 della media europea), fatta eccezione solamente per i Paesi Bassi, la Finlandia (entrambi con cifre sui 43.000 euro su base annua) e il Belgio (con poco più di 35.500 euro annui), nonché per gli stipendi dei giudici di ultima istanza non Ue  di Svizzera, Norvegia e Principato di Monaco. Stando al rapporto, gli stipendi dei giudici italiani perdono il primato anche se rapportati a quelli dei magistrati dei paesi extra-Ue come Andorra o Svizzera.

Nel secondo caso, però, e cioè alla fine della carriera, il gap viene recuperato con rilancio, giacchè i magistrati sfiorano i 98.000 euro netti all'anno, raggiungendo quasi il doppio della media di stipendi europea (poco meno di 53.000 euro annui).

Se poi il confronto si restringe al territorio nazionale, i dati parlano chiaro: rispetto ai guadagni medi degli italiani un magistrato ad inizio carriera percepisce uno stipendio pari al doppio, per lievitare di oltre sei volte alla fine del percorso lavorativo, per i giudici di Cassazione. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(14/10/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF