Sei in: Home » Articoli

Cassazione: inammissibile un ricorso di 100 pagine quando ne bastano solo dodici

La Corte ha dichiarato inammissibile un ricorso che ha violato il dovere di sinteticità espositiva
Particolare della toga indossata da giudice della Cassazione
Non è la prima volta che la Ccorte di Cassazione mette in guardia gli avvocati dallo scrivere ricorsi troppo prolissi (Vedi: L'avvocato che scrive atti troppo lunghi viola il principio del giusto processo).

Questa volta è stato dichiarato inammissibile un ricorso che secondo i giudici di legittimità ha violato il dovere di sinteticità espositiva avendo superato le 100 pagine contenenti una sovrabbondante riproduzione degli atti processuali mentre alla esposizione dei motivi di ricorso sarebbero bastate le ultime dodici pagine, che - spiega la Corte nella sentenza n. 20589 del 30 settembre 2014 - "da sole sarebbero state del tutto proporzionate al tipo di censure proposte".

La Cassazione richiama anche un precedente del 2006 (la sentenza numero 19100/2006) dove già si era sancito il principio secondo il quale "il rispetto del canone della chiarezza e della sintetici da espositiva rappresenta l'adempimento di un preciso dovere processuale il cui mancato rispetto, da parte del ricorrente per cassazione, lo espone al rischio di una declaratoria di inammissibilità dell'impugnazione".

Un altro precedente menzionato nella sentenza è quello relativo a una pronuncia delle sezioni unite dell'11 aprile 2012 (sentenza n.5698/2012). 

In quella occasione la Corte aveva stabilito che "la pedissequa riproduzione dell'intero, letterale contenuto degli atti processuali, per un verso, del tutto superflua, non essendo affatto richiesto che si dia meticoloso conto di tutti i momenti nei quali la vicenda processuale si è articolata; per altro verso, è in idonea a soddisfare la necessità della sintetica esposizione dei fatti, in quanto equivale ad affidare alla corte, dopo averla costretta a leggere tutto (anche quello di cui non occorre sia informata), la scelta di quanto effettivamente rileva in ordine ai motivi di ricorso".

Qui sotto il testo integrale della sentenza n. 20589/2014.

Testo sentenza cassazione n. 20589/2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(06/10/2014 - N.R.)
Le più lette:
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF