Sei in: Home » Articoli

Revoca della patente: per i sorvegliati speciali decide il giudice ordinario 

auto guida traffico autovelox multe
In materia di provvedimento di revoca della patente di guida ai soggetti sottoposti a misure di prevenzione, la competenza è del giudice ordinario. Così hanno disposto le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10406 del 14 maggio 2014, chiamate a decidere sulla giurisdizione (ordinaria o amministrativa) in una vicenda inerente il ricorso avverso l'illegittimità di un atto di revoca della patente di abilitazione alla guida, disposto dal prefetto, nei confronti di persona sottoposta a sorveglianza speciale.
Riportandosi alla giurisprudenza emanata in materia e, in particolare, all'orientamento già espresso dalle stesse Sezioni Unite nella sentenza n. 2446/2006, il Supremo Collegio ha statuito che l'"art. 120 C.d.S., comma 1, nel testo risultante a seguito delle sentenze della Corte costituzionale 21 ottobre 1998, n. 354, 18 ottobre 2000 n. 427 e 17 luglio 2001 n. 251, contempla la revoca della patente di guida, quando il titolare sia sottoposto a determinate misure di prevenzione in corso di applicazione, sulla scorta di una diretta valutazione di pericolosità del protrarsi del godimento della relativa abilitazione nel periodo di vigenza di dette misure, mentre non richiede alcun apprezzamento da parte dell'autorità amministrativa circa il verificarsi di detta pericolosità nel singolo caso". 

Tale provvedimento, pertanto, ha continuato la Corte, non esprime "esercizio di discrezionalità amministrativa, cioè di potere idoneo a degradare la posizione di diritto soggettivo della persona abilitata alla guida, ma è un atto dovuto, nel concorso delle condizioni all'uopo stabilite dalla norma". Pertanto, affermando che la domanda "rivolta a denunciare l'illegittimità del provvedimento di revoca della patente di guida, reso dal prefetto a carico di persona sottoposta alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale, si ricollega ad un diritto soggettivo" e non già ad un interesse legittimo (con giurisdizione amministrativa), le Sezioni Unite hanno sancito che "in difetto di deroghe ai comuni canoni sul riparto della giurisdizione, spetta alla cognizione del giudice ordinario", accogliendo il ricorso. 


Vai al Testo della sentenza della Corte di Cassazione - Sezioni Unite - n. 10406 del 14 maggio 2014
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(16/06/2014 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF