Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'aggravante della provocazione nella guida in stato di ebbrezza. Necessità della prova del nesso causale

autostrada strada rc auto incidente autovelox
di Eleonora Pividori - Corte di Cassazione penale, sezione quarta, sentenza n. 15050 del 1 Aprile 2014. La Corte di cassazione, nella sentenza in oggetto, si è espressa in merito alla configurabilità dell'aggravante della provocazione in ambito di sinistro stradale, nell'ipotesi di reato di guida in stato di ebbrezza, di cui all'art. 186 del D. Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (“Nuovo codice della strada”). La ricorrenza di una simile aggravante determina, oltre ad un inasprimento del trattamento punitivo, ai sensi del comma 2 bis del summenzionato articolo, la preclusione a godere del beneficio della sostituzione della pena con il lavoro di pubblica utilità, la cui concessione è prevista dal comma 9 bis dell'art. 186 c.d.s.

Nella specie, il ricorrente ha sollevato l'illegittima attribuzione all'imputato della circostanza di cui sopra, contestando il fatto che non risultasse provata la sussistenza di un nesso causale fra lo stato di ebbrezza e l'evento incidente e che non fosse stato preso in considerazione il possibile intervento di cause alternative valide a cagionarlo. Nei motivi di ricorso, è inoltre lamentata l'omessa sostituzione della pena con il lavoro di pubblica utilità, beneficio da ritenere – a parere della difesa – applicabile nella specie, poiché il sinistro stradale non poteva considerarsi diretta conseguenza dello stato alterato dell'imputato ed appariva privo di un'effettiva capacità lesiva.

La sezione quarta della Suprema Corte, allineandosi alla pregressa giurisprudenza di legittimità sul punto, ha ribadito il principio di diritto secondo cui la nozione di "incidente stradale", rilevante ai fini dell'art. 186 c.d.s., è da interpretarsi come “qualsiasi avvenimento inatteso che, interrompendo il normale svolgimento della circolazione stradale, possa provocare pericolo alla collettività, senza che assuma rilevanza l'avvenuto coinvolgimento di terzi o di altri veicoli” (Cass., Sez. 4, n. 47276/2012, Rv. 253921). Deve pertanto considerarsi tale, a titolo esemplificativo, l'urto del veicolo contro un ostacolo, o la fuoriuscita dell'auto dalla strada, senza che assumano rilevanza gli eventuali danni cagionati a cose o a persone. A ciò consegue che, per la configurazione dell'aggravante in parola, è sufficiente “qualsiasi, purchè significativa, turbativa del traffico, potenzialmente idonea a determinare danni”(Cass., Sez. 4, n. 42488/2012, Rv. 253734; v altresì Cass., Sez. 4, n. 6381/2011).

Perché, poi, l'evento incidente possa dirsi concretamente riconducibile alla condotta dell'imputato “è necessario un riscontro inequivoco di un obiettivo nesso di strumentalità - occasionalità tra lo stato di ebbrezza del reo e l'incidente dallo stesso provocato”, in quanto non sarebbe legittima l'inflizione di un trattamento sanzionatorio aggravato a carico di un conducente che, sebbene versi – illecitamente - in uno stato alterativo, “sia stato coinvolto in un incidente stradale di per sè oggettivamente imprevedibile e inevitabile e in ogni caso privo di alcuna connessione con lo stato di ebbrezza”.

L'autrice di questo articolo ha pubblicato anche una raccolta di massime di maggior rilevanza, periodo compreso tra il 17 Dicembre 2013 e il 17 Febbraio 2014, in tema di guida in stato di ebbrezza. Essa è acquistabile online al costo di 1 euro.

La raccolta è composta da 18 massime, con indicazione di precedenti conformi e difformi, e si suddivide nelle seguenti sezioni:
  1. Depenalizzazione dell'ipotesi meno grave di guida in stato di ebbrezza, di cui all'art. 186 C.d.S., comma 2, lett. a). Trasmissione degli atti all'autorità amministrativa.

  2. Stato di ebbrezza cagionato dal consumo di farmaci. Natura contravvenzionale dell'illecito.

  3. Consenso dell'interessato al prelievo ematico ed accertamento sintomatico del tasso alcolemico.

  4. Esito positivo dell'accertamento compiuto con l'alcoltest. Onere della prova contraria.

  5. Natura della sanzione accessoria della confisca.

  6. Patteggiamento e sanzioni amministrative accessorie.

  7. Sostituzione della pena con il lavoro di pubblica utilità.

Vai alla pagina per l'acquisto di questa raccolta - Costo 1 euro.


Download raccolta massime guida in stato di ebbrezza
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(29/04/2014 - C.G.)
Le più lette:
» La manovra è legge: tutte le novità punto per punto
» Cani che abbaiano in condominio: Il punto della giurisprudenza
» Legge Pinto: cosa accade ai procedimenti in corso al 1° gennaio 2016?
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Con la depressione si può avere la 104?
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF