Sei in: Home » Articoli

La responsabilità della struttura sanitaria pubblica e privata. Collana casi risolti nel diritto

responsabilità struttura sanitaria pubblica privata

Recensione di Marco Massavelli - Edito da Maggioli, aggiornato alla legge di conversione del Decreto del Fare (d.l. 69/2013 convertito in l. n. 98/2013) il volume analizza il ruolo della struttura sanitaria - indipendentemente dal suo carattere pubblico o privato - sia relativamente alla condotta dei propri dipendenti (medici e ausiliari), sia con riguardo alle carenze proprie dell'apparato organizzativo. Il soggetto giuridico struttura sanitaria offre ai suoi “clienti”, i pazienti, una prestazione mista, composta da diversi elementi: un insieme di locali e strutture medicali idonee ad accogliere i pazienti; personale medico e paramedico idoneo e preparato; obbligo di vigilanza e di repentino intervento in situazioni di emergenza clinica. 

Quando la struttura è responsabile per il danno da medical malpractice? Quando invece non risponde della lesione provocata dal medico o dall'infermiere? Quali i casi in cui la struttura risponde del danno provocato in prima persona? E ancora: sulla base di quale meccanismo normativo alla struttura sanitaria, pubblica o privata, può essere addebitato il comportamento di uno dei suoi dipendenti?

La risposta a questi ed altri interrogativi in un percorso di ricerca dottrinale coronato dall'analisi giurisprudenziale delle sentenze più recenti, dalla posizione dei tribunali locali all'orientamento consolidato della Suprema Corte di Cassazione. Uno strumento utile a tutti gli operatori del settore, impegnati a mantenersi costantemente aggiornati in una materia di recente sottoposta a notevoli modifiche normative. In più, allegato al volume, il formulario digitale, modificabile e stampabile.

Si può acquistare in libreria oppure direttamente online in questa pagina.


(20/01/2014 - C.G.)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF