Sei in: Home » Articoli

Divieto di sosta: per la validità non è sufficiente l'esistenza del cartello stradale

divieto sosta multe
di Luigi Del Giudice -(Corte di Cassazione sentenza n. 25771 del 15 novembre 2013).

L'obbligatorietà della prescrizione contenuta in un segnale stradale di divieto di sosta deve ritenersi condizionata alla legittimità del provvedimento amministrativo che l'ha imposta, sebbene su tale legittimità non incida l'eventuale mancanza delle indicazioni che vanno riportate sulla parte posteriore del segnale ai sensi dell'art. 77 regolamento del codice della strada.

La citata norma regolamentare impone, infatti, che sia indicato sul retro del segnale l'ente o l'amministrazione proprietaria della strada, il marchio della ditta che ha fabbricato il segnale, l'anno di fabbricazione e il numero dell'autorizzazione concessa dal Ministero alla ditta stessa, nonché - per i segnali di prescrizione che interessano ai nostri fini - gli estremi dell'ordinanza di apposizione (v. Cass. 31 luglio 2007 n. 16884).

Ne consegue che per ritenere sussistere la violazione, è necessario provare(onere dell' Amministrazione) la legittimità dell'apposizione del cartello.
Il precetto da rispettare, difatti, è quello contenuto nel provvedimento che disciplina la circolazione: il cartello stradale invece costituisce solo il mezzo con il quale si porta a conoscenza del pubblico l'avvenuta emanazione di quel provvedimento. Non è quindi sufficiente la mera esistenza del cartello stradale, ma occorre invece la prova che questo fosse stato apposto legittimamente, e cioè in base ad un legittimo provvedimento dell'organo competente a disciplinare, in quella zona, la circolazione.

Dott. Luigi Del Giudice


www.polizialocaleweb.com

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(20/11/2013 - Luigi Del Giudice)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Lotteria degli scontrini in arrivo
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Papa: ci vuole un "grande coraggio" oggi per sposarsi
In evidenza oggi.
Charlie Hebdo: esercizio del diritto di satira o lesione della dignità delle vittime?
Alcune considerazioni di Gino M.D. Arnone relative al macabro accostamento pietanze-morti sono tuttora valide dopo l'ennesima, ripugnante vignetta del settimanale satirico
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF