Sei in: Home » Articoli

La madre poco presente nella vita della figlia ne determina la sua adottabilità

figlio figlia maltrattamento separazione affido bimbi bambina

di Marco Massavelli - Corte di Cassazione Civile, Sezione VI, sentenza n. 17888 del 23 Luglio 2013. Laddove il genitore non dimostra di voler essere presente nella vita del figlio, come passandoci tutto il tempo consentito in istituto dove il minore è collocato, è legittimo lo stato di adottabilità. E' quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con sentenza 23 luglio 2013, n. 17888. Il proporre, in sede di ricorso per cassazione, profili e situazioni di fatto, insuscettibili di controllo da parte del giudice di legittimità, a fronte di una sentenza caratterizzata da una motivazione adeguata e non illogica, non determina alcuna violazione di legge.

La situazione di carcerazione della madre per reati attinenti al traffico di stupefacenti, e lo stato di tossicodipendenza della stessa, tanto più che successivamente l'interessata ha provveduto a disintossicarsi, non hanno impedito al giudice penale di concedere i permessi per potersi recare a trovare la figlia in istituto. Ma spesso la madre non si tratteneva per tutto il tempo consentito e con la figlia aveva un rapporto con momenti talora piacevoli, talora conflittuali, ma mai indispensabili “nel divenire generale dell'esistenza”. Anche nei confronti dell'altra figlia, la madre aveva parimenti un atteggiamento conflittuale: durante le visite di questa in carcere, le vietava di avvicinarsi alle altre bambine, presenti in carcere, e talora le dava schiaffi, tanto che il Direttore dell'Area aveva segnalato l'opportunità di investire del problema la competente Associazione. Questi comportamenti hanno portato il Tribunale minorile, prima, e la Corte d'Appello, poi, a dichiarare la minore adottabile: la Corte di Cassazione, sulla base della situazione concernente i rapporti tra madre e figlia suesposti, non ha potuto che confermare tale decisioni.

Vai al testo della sentenza 17888/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(30/07/2013 - C.G.)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF