Sei in: Home » Articoli

Cassazione: se il negozio si allaga non sono dovuti i danni per l'insoddisfazione della clientela

saldi id9518
Nessun dubbio che sia dovuto risarcimento del danno in caso di allagamento di un negozio. Ma c'è un limite a tutto!
Va bene chiedere il risarcimento danni subiti materiali subiti e dei danni dovuti alla temporanea chiusura del negozio ma arrivare a chiedere un danno per "l'insoddisfazione della clientela" è francamente troppo! Almeno secondo la Cassazione. La Corte, infatti, con Sentenza n. 11968/2031 ha chiarito che nel computo delle voci che vanno a determinare il quantum da corrispondere in caso di danni da allagamento di un negozio non dev'essere considerata l'insoddisfazione della clientela.

Nel caso di specie, si era verificato un allagamento di un negozio dovuto ad infiltrazioni di acqua. La perdita era risultata imputabile al condominio (impresa commerciale faceva parte di un contesto condominiale di appartamenti ad uso civile). L'allagamento ha fatto sorgere quindi il diritto dell'impresa al risarcimento del danno subito per provvedere ai lavori di ristrutturazione, nonché per recuperare la perdita economica riconducibile alla chiusura del locale commerciale.

Non spetta, invece, la liquidazione del danno afferente alla perdita o all'insoddisfazione della clientela, seppur abituale.

La motivazione della sentenza impugnata, secondo gli ermellini appare corretta così come risulta corretta l'avvenuta valutazione equitativa del danno che è stata fondata su "una delibazione complessiva di una pluralità di elementi non isolatamente considerati, ma dei quali si dà comunque conto nel loro combinarsi, in concorso anche con la prudenziale esclusione del pregiudizio da perdita e/o insoddisfazione della clientela".
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/05/2013 - Lauretta Kriseide)
Le più lette:
» Equitalia: rottamazione anche per il sovraindebitamento
» Gassani: 1 coppia su 5 in Italia separata in casa, per non finire sul lastrico
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Tasse ridotte dal giudice fino al 90%
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF