Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il danno provocato dalla concorrenza sleale va provato

consumi mercato supermercato istat federconsumatori codacons
di Licia Albertazzi - Sentenza Cassazione Civile, sezione prima, n. 5848 dell' 8 Marzo 2013

La fattispecie della concorrenza sleale, perseguibile ai fini civili ex art. 2598 codice civile, è integrata nel caso in cui un'azienda adotti comportamenti idonei a screditare un'impresa concorrente o a indurre confusione nel pubblico all'atto della scelta del prodotto (c.d. pubblicità ingannevole). La norma in oggetto fornisce un elenco dei comportamenti denigranti, non esaustivo ma meramente esplicativo, adottando in chiusura la formula generica del “si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l'altrui azienda”. Una sua integrazione implica l'obbligo per l'azienda colpevole di rimuovere a proprie spese le cause del pregiudizio arrecato, nonché la condanna al risarcimento del danno a favore dell'azienda danneggiata.

Perchè tale fattispecie sia integrata occorre tuttavia che la danneggiata provi sia la reale perdita patrimoniale subita, sia la non futilità del danno ricevuto. Le informazioni screditanti devono poi essere state rivolte ad un pubblico indistinto o comunque ad una platea consistente: nel caso in oggetto non sono stati provati alcuni dei predetti requisiti, essendo state le informazioni screditanti comunicate a singoli individui, in un contesto limitato e soltanto occasionalmente.

La Suprema Corte ha dunque respinto la richiesta di risarcimento del danno di un'impresa che non è stata in grado di provare tutti questi elementi, nemmeno tramite presunzioni semplici.
Vai al testo della sentenza 5848/2013
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/03/2013 - Licia Albertazzi)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF