Sei in: Home » Articoli

Cassazione: sì al Grande Fratello negli spazi comuni di un immobile

studio legale italiani spagna, avvocati italiani spagna, ana fernandez & geval
di Barbara LG Sordi -
Proprio adesso che il programma televisivo del Grande Fratello chiude per una "pausa di riflessione" (sul flop di ascolti dell'ultima edizione), c'è chi già forse lo rimpiange. Così c'è chi si cimenta in versioni molto fai-da-te, o meglio viene accusato di volerlo fare con rudimentali sistemi di...videosorveglianza! È quanto accaduto al signor Salvatore R., proprietario di una palazzina a Messina, che ha piazzato due telecamere, una all'ingresso dell'immobile ed una nel portone di ingresso all'appartamento in cui egli steso vive. Una semplice precauzione a seguito di minacce ricevute, apparentemente lecito. Se non fosse per la di lui gentil genera, che da quelle telecamere si è sentita depaupera della dovuta privacy, vivendo anche lei nello stesso stabile. Ora, non si sa Cosa mai potesse fare la signora di così intimo nel tragitto tra cancello e portone (presumibilmente di pochi metri), fatto sta che Maria R. ha preferito denunciare il suocero.

E il Tribunale di Messina, nel 2009, le ha dato pienamente ragione, riconoscendo la violazione della privacy e ordinando la rimozione dell'impianto. Sottolineando anche che il posizionamento di telecamere sia avvenuto dopo due anni dalle minacce, mettendo dunque in dubbio che fosse quello il motivo reale di tale scelta. Che ci fossero dubbi sulla integrità morale della cognata poco ci importa. Ed ancor meno alla Cassazione, a cui il proprietario ha fatto ricorso, per poter far valere il suo diritto di spiare...ehm, controllare i movimenti all'ingresso dello stabile.

La Prima sezione civile della Corte di Cassazione ha ribaltato la sentenza, facendo notare che "se l'azione, pur svolgendosi in luoghi di privata dimora, può essere liberamente osservata dagli estranei, senza ricorrere a particolari accorgimenti (nella specie si tratta dello spazio, esterno del fabbricato, intercorrente fra il cancello e il portone d'ingresso), il titolare del domicilio non può accampare una pretesa alla riservatezza". Sottolineando anche che "i luoghi sottoposti a videosorveglianza sono destinati all'uso di un numero indeterminato di persone e di conseguenza la tutela penalistica non si estende alle immagini eventualmente qui riprese".

Forse che la signora abbia deciso di andare a vivere lontano da occhi indiscreti?

Email barbaralgsordi@gmail.it
(12/09/2012 - Barbara LG Sordi)
Le più lette:
» Addio ai voucher, arriva il lavoro breve e intermittente liberalizzato
» Appalto: la garanzia per vizi e difformità dell'opera
» Caduta per la strada: quando si può parlare di insidia
» Avvocati: oggi la manifestazione nazionale a Roma contro la Cassa Forense
» Asili nido: al via il bonus di mille euro
In evidenza oggi
Avvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuitiAvvocati di strada: è boom di richieste per i legali gratuiti
Divorzio: il tradimento non si può provare direttamente per testiDivorzio: il tradimento non si può provare direttamente per testi
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF