Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la notevole estensione della rete stradale non basta ad escludere responsabilitÓ dell'ANAS per cose in custodia. Va risarcito motociclista che cade per fango sulla strada

strada notte id8963
In materia di responsabilitÓ per cose in custodia (art. 2051 c.c.), la Corte di Cassazione ha stabilito che l'ente proprietario dell'infrastruttura di collegamento Ŕ responsabile del sinistro provocato dal fango e dai detriti non tempestivamente rimossi, specie se su una strada importante, e deve risarcire la vittima. ╚ questo il contenuto della sentenza n. 21508, depositata il 18 ottobre 2011 con cui la terza sezione civile ha rigettato i ricorso dell'Anas che dovrÓ risarcire le vittime del sinsitro stradale. Come si legge nella Setnenza l'Anas aveva proposto ricorso per Cassazione avverso la sentenza della Corte di Appello di Catanzaro che, riformando la sentenza di primo grado, aveva accolto la richiesta di due automobilisti volta ad ottenere il risarcimento dei danni riportati da un sinistro stradale.
In sostanza, a seguito della notevole pioggia, si erano accumulate sulla strada fango, sterpaglie e sabbia che avevano causato lo sbandamento della vespa su cui viaggiavano le vittime del sinistro. Su ricorso dell'Anas volto ad escludere la propria responsabilitÓ, gli Ermellini, rigettando il ricorso, hanno spiegato che in tema di responsabilitÓ di sinistri stradali, il fattore decisivo per l'applicabilitÓ della disciplina ex art. 2051 del codice civile deve individuarsi nella possibilitÓ o meno di esercitare un potere di controllo e di vigilanza sui beni demaniali, con la conseguenza che l'impossibilitÓ di siffatto potere non potrebbe ricollegarsi puramente e semplicemente alla notevole estensione del bene e all'uso generale e diretto da parte dei terzi, da considerarsi meri indici di tale impossibilitÓ, ma all'esito di una complessa indagine condotta dal giudice di merito con riferimento al caso singolo, che tenga in debito conto innanzitutto gli indici suddetti.
Scarica il testo della sentenza 21508/2011
(23/10/2011 - Luisa Foti)
Le pi¨ lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono pi¨
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dÓ la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna pi¨ di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna pi¨ di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF