Sei in: Home » Articoli

Cassazione: iscrizioni e cancellazioni prima del voto rendono nulle elezioni del Consiglio dell'ordine

commercialisti
In tema di modalità di espletamento delle elezioni per il rinnovo del Consiglio dell'Ordine (nella fattispecie ordine dei dottori commercialisti), con la sentenza n. 19203, depositata il 21 settembre 2011, la Corte di Cassazione ha stabilito che sono illegittime le elezioni del consiglio dell'ordine se, nell'imminenza delle votazioni, il presidente ha provveduto a iscrizioni e cancellazioni dall'albo. Secondo la terza sezione civile della Corte, se dopo l'indizione delle elezioni il Presidente ha provveduto ad iscrivere, con atto unilaterale, nuovi dottori, con ciò può aver compromesso la genuinità del voto.
La Corte, accogliendo le richieste di alcuni commercialisti che avevano impugnato i risultati delle elezioni, ha fatto notare che nel caso in esame i ricorrenti hanno impugnato le iscrizioni e cancellazioni dall'albo disposte dal Presidente scaduto "non perché ne contestino i presupposti (al che non sarebbero legittimati, ex art. 37 d.lgs. n. 134 del 2005) ma solo in quanto assumono che in tal modo sarebbero stati alterati i risultati elettorali". In precedenza c'era stato un reclamo al consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili che si era concluso con una pronuncia di inammissibilità. Ora la Suprema Corte ha dato ragione ai ricorrenti spiegando che detta pronuncia di inammissibilità del reclamo adottata dal Consiglio Nazionale è decisamente erronea.
Scarica il testo della sentenza 19203/2011
(05/10/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF