Sei in: Home » Articoli

Cassazione: si a ricovero coatto in ospedale psichiatrico se c'è pericolosità sociale dell'indagato per atti persecutori

ospedale corsia ricovero
In tema di misure cautelari, con sentenza n. 30573, depositata il 2 agosto 2011, la corte di Cassazione ha stabilito che laddove gli accertamenti tecnici svolti nel corso delle indagini preliminari, hanno accertato sul conto dell'indagato (per atti persecutori) uno stato patologico mentale in stretta connessione con lo status di pericolosità sociale, e detti accertamenti sono stati necessariamente contenuti nei confini di esigenze di carattere processuale e di contingente tutela delle esigenze di prevenzione speciale, risulta immune da ogni censura, nella prospettiva di provvisorietà in cui è adottata la misura cautelare, il provvedimento che conferma la misura di sicurezza del ricovero coatto in un ospedale psichiatrico giudiziario dell'indagato per atti persecutori, previa revoca della misura di custodia cautelare in carcere.
Scarica il testo della sentenza 30573/2011
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(10/08/2011 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Mediazione e negoziazione assistita: casi di obbligatorietà e aspetti procedurali
» Divorzio: addio definitivo all'assegno se lei convive con un altro
» Avvocato si cancella dall'albo per fare il becchino
» Milleproroghe: le misure per gli avvocati
» L'appello incidentale nel processo del lavoro
In evidenza oggi.
Falsi certificati di malattia: carcere e multe fino a 1.600 euro anche per il medico
Avvocati: nullità della notifica dell'atto di appello eseguita nei confronti del difensore non più iscritto all'albo
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF