Sei in: Home » Risorse Giuridiche » Calcolo fattura per avvocati

Calcolo fattura avvocato

Attraverso questo strumento è possibile eseguire il calcolo di una fattura per avvocati e studi legali. Puoi creare una parcella scegliendo se applicare IVA, ritenuta e Cassa Previdenza
Seguici su Facebook e su G. Plus
Nome e partita IVA di chi fattura:

Nome e partita IVA destinatario fattura:

Numero fattura:

Imponibile:

Spese esenti:

Cassa previdenza
Ritenuta d'acconto
IVA 22%

Il calcolo della fattura nel tuo sito

[Torna su]

Incolla nelle pagine del tuo sito il codice che segue:
<table style="border:1px solid #c0c0c0;" cellpadding="0" cellspacing="0">
<tr><td align="center" bgcolor="#d6ecff" style="padding:3px">
<a href="http://www.studiocataldi.it/fattura-online/calcolo-fattura.asp" style="color: 464c4e; text-decoration:none" rel="nofollow" target="_blank">
<b>Calcolo fattura</b></a></td></tr>
<tr><td bgcolor="#ffffff" style="padding:3px">
<iframe src="http://www.studiocataldi.it/newstuosito/calcoli/calcolo-fattura-tuosito.asp" width="468" height="300" scrolling=no frameborder=0> </iframe>
</td></tr><tr><td bgcolor="#ffffff" align="right" style="padding:2px"><font face="Tahoma" style="font-size: 9pt" color="#464c4e">Powered by:
<a href="http://www.studiocataldi.it" target="_blank">www.studiocataldi.it</a>
</font></td></tr></table>

Come funziona lo strumento di calcolo

Questa utility permette di calcolare una fattura in modo rapido e gratuito. L'intero processo di fatturazione viene quindi automatizzato e non richiede all'utente particolari competenze contabili. Al termine del calcolo, è possibile accedere a una versione della fattura ottimizzata, pronta per la stampa.

Per creare la propria fattura personalizzata, è sufficiente indicare:

- Nome e partita IVA di chi emette fattura e del destinatario;
- Numero della fattura;
- Imponibile, ossia l'importo su cui viene calcolata l'IVA (costituito dalla somma totale che il cliente deve al venditore, comprensiva di spese e oneri accessori);
- Spese esenti, vale a dire le spese che non concorrono a formare la base imponibile, quali le somme dovute a titolo di rimborso;
- Cassa previdenza, ritenuta d'acconto e IVA al 22%, se dovute.


Informazioni pratiche:

[Torna su]

Chi è tenuto a emettere fattura

La fattura è una documentazione fiscale obbligatoria, atta a comprovare la vendita di beni o la prestazione di servizi. Salvo alcune eccezioni, deve essere emessa dai titolari di partita IVA per ogni transazione, contestualmente al pagamento del corrispettivo. 
Va redatta in due esemplari: l'originale, da consegnare al cliente, e la copia, che dovrà essere conservata dall'emittente per un periodo di almeno 10 anni. 

Forma della fattura

La normativa non prevede uno schema vincolante nella redazione di una fattura, a patto che questa contenga tutti gli elementi previsti dalla legge, ovvero il numero progressivo, i dati identificativi dell'emittente e del compratore, la quantità e la qualità dei beni venduti (insieme al loro prezzo unitario e a quello complessivo), il tipo di pagamento, l'aliquota e l'ammontare dell'IVA, gli sconti eventuali e, ovviamente, il totale imponibile. 

Gli arrotondamenti

La norma prevede inoltre una regola di arrotondamento: base imponibile e imposta vanno arrotondate al secondo decimale e, più precisamente, al centesimo di euro più alto se il terzo decimale è maggiore o uguale a 5, o al più basso, se il terzo decimale è inferiore a 5.

La registrazione delle fatture

La legge Iva (D.P.R. n. 633/1972) prevede la tenuta dei seguenti registri:
- il Registro delle fatture emesse (art. 23);
- il Registro dei corrispettivi (art. 24):
- il Registro degli acquisiti (art. 25). 

Le fatture vanno annotate nel registro delle fatture emesse entro 15 giorni dall’emissione ad eccezione delle cd. fatture differite
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
Arricchisci questa guida con un tuo commento:
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss