Sei in: Home » Articoli

PAS: non è una patologia ma un comportamento illecito

Per il Tribunale di Milano l'alienante che agisce in giudizio infondatamente può essere condannato ex art. 96, co. 3, c.p.c.
Bambino seduto di spalle che guarda la natura

di Valeria Zeppilli – L'alienazione parentale può essere considerata una patologia? In generale le sempre più numerose cause che trattano questa tematica in materia di rapporti genitori/figli rendono tale argomento molto dibattuto e fonte di contrasti interpretativi, ma la nona sezione civile del Tribunale di Milano, con decreto del 9-11 marzo 2017 (qui sotto allegato), ha mostrato di non avere alcun dubbio: niente patologia, l'alienazione parentale è un comportamento illecito che, peraltro, può anche giustificare la condanna del genitore alienante ai sensi dell'articolo 96, comma 3, del codice di procedura civile.

Nel caso oggetto del recente decreto, in particolare, ad aver subito tale condanna è stata una donna che aveva citato in giudizio l'ex, ai sensi dell'articolo 709-bis c.p.c., per questioni relative ai figli, ma era risultata poi autrice di comportamenti alienanti. Per il tribunale di Milano "il termine alienazione genitoriale – se non altro per la prevalente e più accreditata dottrina scientifica e per la migliore giurisprudenza – non integra una nozione di patologia clinicamente accertabile, bensì un insieme di comportamenti posti in essere dal genitore collocatario per emarginare e neutralizzare l'altra figura genitoriale; condotte che non abbisognano dell'elemento psicologico del dolo essendo sufficiente la colpa o la radice anche patologica delle condotte medesime".

Gli atteggiamenti tenuti dalla madre, peraltro, sono stati di una gravità tale da costringere il Tribunale a disporre l'affidamento del minore al Comune, in forza delle previsioni dell'articolo 333 del codice civile (che regolamenta la "condotta del genitore pregiudizievole ai figli"): la donna, infatti, con i suoi comportamenti non aveva cagionato solo un forte stress nel padre ma anche una situazione di pericolosa vulnerabilità della figlia, "che si trova sull'orlo di una declinazione patologica della propria condizione di bambina travolta dal conflitto".


Si ringrazia il Dott. Marco Pingitore per la cortese segnalazione

Tribunale di Milano testo decreto 9-11 marzo 2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/03/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF