Sei in: Home » Articoli

Successioni: la legittima calcola anche le donazioni

Per la Cassazione, il nuovo coniuge può chiedere che la quota di legittima vada calcolata tenendo conto delle donazioni fatte prima del matrimonio
Modellino di casa su due mani

di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 4445/2016, depositata il 7 marzo (qui sotto allegata), la Corte di cassazione è tornata a pronunciarsi su una materia (purtroppo) spesso oggetto di conflitto: quello dei rapporti tra donazione e eredità (leggi: "Eredità: come tutelarsi se il defunto ha fatto donazioni quando era in vita").

Con tale pronuncia, in particolare, i giudici hanno chiarito che per calcolare la quota di legittima che spetta ai parenti più stretti del defunto occorre prendere innanzitutto in considerazione il valore che il patrimonio del de cuius aveva al momento della sua morte e aggiungervi poi il valore dei beni che egli aveva donato quando ancora era in vita.

A tal fine non è possibile distinguere tra donazioni posteriori o anteriori rispetto al momento in cui è sorto il rapporto che ha reso l'erede legittimario.

Ciò in ragione del fatto che la riunione fittizia risponde all'obiettivo di determinare la quota della quale il defunto poteva rispondere e, in conseguenza, quella di riserva spettante al legittimario, senza che nessuna distinzione possa essere fatta tra coniuge e figli.

Da tale ragionamento, che costituisce ormai una costante in giurisprudenza, deriva che come il figlio può chiedere la riduzione di tutte le donazioni che il genitore abbia compiuto in vita in favore dell'altro genitore o dell'ex coniuge, anche prima della sua nascita, così il coniuge sopravvenuto alla nascita dei figli fatti dal defunto con l'ex compagno può chiedere la riduzione di tutte le donazioni eseguite nei confronti di questi, anche precedenti il nuovo matrimonio.

Proprio in forza di tali argomentazioni, la Corte di cassazione ha quindi rigettato il ricorso presentato dai figli del defunto avverso la sentenza con la quale la Corte di appello di Firenze aveva computato, ai fini della determinazione della quota disponibile dell'eredità, tutti i beni che il de cuius aveva donato quando era ancora in vita, compresi quelli antecedenti il momento in cui era sorta, con il nuovo matrimonio, la qualità di erede legittimaria in capo alla nuova moglie del padre.

Corte di cassazione testo sentenza numero 4445/2016
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(17/03/2016 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Telefonia: Vodafone e 3 dovranno rimborsare i clienti
» Avvocati: sanzioni fino a 30mila euro per chi non identifica i clienti
» Tribunale di Milano: i redditi in nero del marito non contano ai fini dell'assegno alla ex
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF