Cassazione: se il danno alla persona è incompatibile con l'incidente scatta la condanna al danno punitivo

Giro di vite della Suprema Corte sulla pratica dei falsi incidenti. Se il ricorso di legittimità è proposto con colpa grave il ricorrente va condannato a pagare un'ulteriore somma oltre alle spese
donna con naso lungo come Pinocchio concetto di falso
di Valeria Zeppilli – La Cassazione fa un giro di vite sugli incidenti falsi, pratica troppo diffusa nel nostro ordinamento e assolutamente da combattere.

L'ultima stretta giurisprudenziale arriva con l'ordinanza numero 3376/2016 depositata dai giudici di piazza Cavour il 22 febbraio (qui sotto allegata).

In tale occasione la Corte ha infatti sancito che se il ricorso di legittimità è proposto almeno con colpa grave va disposta d'ufficio la condanna del ricorrente a pagare alla parte intimata non solo le spese di lite ma anche un'ulteriore somma, da determinarsi equitativamente tenendo conto del valore delle prime.

Infatti, continuano i giudici, nel caso in cui il giudice del merito ha esaminato il fatto "asseritamente rappresentato dal sinistro stradale" escludendone l'effettiva sussistenza, il ricorso di legittimità rappresenta un abuso del processo.

Del resto, deve considerarsi superato l'orientamento in base al quale non sarebbe possibile individuare un'ipotesi di responsabilità aggravata ex articolo 96 c.p.c. nella mera infondatezza in diritto delle tesi che vengono prospettate in sede di legittimità.

Peraltro, nel caso di specie, il ricorrente aveva proposto ricorso avverso la sentenza d'appello con la quale era stato negato il suo diritto al risarcimento sostenendone l'erroneità per aver questa dato rilevanza ad alcune prove piuttosto che ad altre, confliggendo così con un pluriennale orientamento della Corte di Cassazione in base al quale non può ritenersi possibile una valutazione delle prove in sede di legittimità ulteriore e diversa rispetto a quella già compiuta dal giudice del merito.

Nella sentenza si legge inoltre che il giudice di merito aveva motivato la propria decisione "ritenendo non dimostrato che le lesioni patite dall'attore fossero state causate dal sinistro stradale come descritto nell'atto di citazione".

Le doglianze del ricorrente sono state respinte e alla condanna alle spese si è aggiunta quella al pagamento di euro 5000.

NB: La Corte di Cassazione nel disporre tale condanna fa riferimento al quarto comma dell'art. 385 c.p.c.. E' bene però precisare che tale comma è stato abrogato dall'art. 46, comma 20, della legge 69/2009 e che la Corte lo ha applicato applicabile "ratione temporis" al giudizio. Il testo disponeva quanto segue: "Quando pronuncia sulle spese, anche nelle ipotesi di cui all'articolo 375, la Corte, anche d'ufficio, condanna, altresì, la parte soccombente al pagamento, a favore della controparte, di una somma, equitativamente determinata, non superiore al doppio dei massimi tariffari, se ritiene che essa ha proposto il ricorso o vi ha resistito anche solo con colpa grave"
Corte di cassazione testo ordinanza numero 3376/2016
Valeria ZeppilliAvv. Valeria Zeppilli - profilo e articoli
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly and PDF
newsletter
(23/02/2016 - Valeria Zeppilli) CommentiUltimi commentiCita nel tuo sito Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Facebook: "Tutto quello che avete postato diventa pubblico". È una bufala!
» Auto col finestrino abbassato: multa da 41 euro!
» Riforma processo esecutivo: via libera definitivo. Tutte le novità e il testo approvato
» Decreti ingiuntivi: giudice obbligato a concedere la provvisoria esecuzione per le somme non contestate
» Se il CTU deposita in ritardo la perizia commette reato

Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus

Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin