Sei in: Home » Articoli

Notifica al portiere: nessun onere di attestare la specificità delle vane ricerche

La Cassazione ribadisce che il principio generale è quello in base al quale la relata di notifica non necessita di particolari formule sacramentali
notifica
di Valeria Zeppilli – Come si sa, la notifica al portiere è nulla in assenza di una specifica attestazione circa il mancato rinvenimento del destinatario, di una persona di famiglia o addetta alla casa, all'ufficio o all'azienda o di un vicino che accetti la copia dell'atto da notificare.

Tuttavia, lo stesso non può dirsi nel caso in cui a mancare sia l'attestazione della specificità delle vane ricerche: al notificante non è infatti imposto alcun onere in tal senso.

Il principio generale, del resto, è quello per cui la relata di notifica non necessita di particolari formule sacramentali.

A chiarirlo è la sentenza numero 22294/2015, depositata dalla Corte di Cassazione il 30 ottobre scorso (qui sotto allegata). 

Viene così respinto dai giudici il ricorso di un contribuente avverso la sentenza di merito con la quale gli era stato negato l'annullamento della cartella esattoriale.

Il ricorrente lamentava, oltre all'assenza della predetta attestazione, anche di non aver ricevuto la raccomandata con la quale, ai sensi del terzo e del quarto comma dell'articolo 139 c.p.c., l'ufficiale giudiziario deve dare notizia al destinatario dell'avvenuta notificazione dell'atto.

A tal proposito la Corte ha avuto modo di chiarire che, come già precisato con la sentenza numero 21725 emessa dalla seconda sezione in data 4 dicembre 2012, la nullità della notifica al portiere non seguita dalla suddetta raccomandata è applicabile, ratione temporis, esclusivamente dopo l'entrata in vigore del decreto legge n. 248/2007 - legge numero 31/2008 che la ha introdotta.

Dato che nel caso di specie la notifica risaliva ad un momento antecedente, neanche tale doglianza del contribuente è stata accolta dalla Cassazione.

Il ricorso, quindi, è stato integralmente rigettato.

Cassazione, sentenza n. 22294/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» In arrivo gli sportelli di prossimità, dove non ci sono più i tribunali
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Trasferimento di strumenti finanziari come ipotesi di donazione diretta ad esecuzione indiretta
» Pensioni: riscatto gratis laurea legato al merito
In evidenza oggi
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelleAvvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF