Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente ingiunzione di pagamento se le controversie possono essere deferite ad arbitri

L'utilizzo di un verbo modale reggente non vale a dedurre la facoltatività dell'arbitrato, ma è l'unico modo per riservare la soluzione a un collegio arbitrale
sentenza bilancia
di Valeria Zeppilli - La clausola compromissoria con la quale si prevede che “eventuali controversie potranno essere deferite a un collegio di tre arbitri” introduce un arbitrato rituale.

Dal carattere rituale della clausola, tuttavia, non è possibile dedurre il diritto della parte per prima istante a stabilire la sede in cui dirimere le controversie che siano eventualmente insorte con l'altra parte.

Per la Cassazione, infatti, l'impiego del verbo “potranno” non può far ritenere la non obbligatorietà ma semplice facoltatività del ricorso, a tal fine, all'arbitrato.

L'ordinanza numero 22039, depositata il 28 ottobre 2015 (qui sotto allegata), a tal proposito si rifà completamente a quanto già statuito in merito dalla medesima Corte con la sentenza numero 6947/2004.

Per i giudici è un errore di fondo concepire l'esercizio dell'azione altrimenti che come una facoltà. Di conseguenza, le parti di un accordo non avrebbero mai potuto utilizzare, correttamente, verbi significanti dovere o obbligo.

L'utilizzo di un verbo modale reggente, insomma, non vale a dedurre la mera facoltatività dell'arbitrato: viceversa, la clausola si limiterebbe a prevedere una generica facoltà di compromettere in arbitri, che sarebbe stata data alle parti anche in sua assenza.

Si tratta, piuttosto, dell'unico modo lessicalmente corretto, alla luce di quanto sopra, per permettere alle parti di riservare la soluzione non negoziata della controversia a un collegio arbitrale.

Così, nel caso di specie, va posta nel nulla l'ingiunzione di pagamento con il quale un architetto richiedeva ai propri clienti oltre sessantaquattromila euro per prestazioni professionali: in presenza della predetta clausola è necessario attendere la decisione arbitrale.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 22039/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(02/11/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Cassazione: il giudice non può mortificare gli avvocati con compensi irrisori
» Il figlio che non aiuta i genitori commette reato
» Diritto all'indennità di accompagnamento e Inps: la Cassazione accoglie la domanda
» Multe e bolli: come si rottamano e cosa si risparmia
» Il rifiuto della notifica di un atto giudiziario
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF