Sei in: Home » Articoli

L'hotel è sporco e scomodo? I danni li pagano agenzia di viaggi e tour operator

A stabilirlo è il Tribunale di Roma, che ha condannato in solido l'organizzatore e l'intermediario al risarcimento
albergo portiere hotel reception lavoro
Se il tuo hotel è sporco e scomodo la tua vacanza può di certo dirsi rovinata.

Il Tribunale di Roma, con la sentenza numero 15634/2015, ha riconosciuto la nuova tipologia di danno a una famiglia di turisti che, in arrivo per una vacanza a Rio de Janeiro, è stata ospitata in una struttura che, presentata come quattro stelle e vista mare, si affacciava in realtà su altri edifici, aveva lenzuola lise, scarsa igiene e serrature arrugginite e proponeva insetti e scarafaggi come compagni di stanza!

Non importa che siano stati gli stessi turisti a scegliere la struttura: l'agenzia di viaggi e il tour operator che l'hanno proposta dovevano sincerarsi che l'hotel avesse effettivamente le qualità declamate nel sito web e nel dépliant.

L'agenzia di viaggi, infatti, in base al codice del turismo è responsabile per le informazioni fornite circa il pacchetto offerto mentre il tour operator è responsabile dell'effettività e della qualità di quanto proposto e del corretto contenuto dei cataloghi, oltre che di ogni ulteriore diretta comunicazione con i consumatori.

Così l'organizzatore e l'intermediario sono stati condannati in solido non solo a rifondere ai propri clienti la differenza di prezzo tra l'hotel prenotato e un altro di classe superiore cui avrebbero avuto diritto, ma anche a risarcirli del danno non patrimoniale da vacanza rovinata previsto dall'articolo 47 del decreto legislativo numero 79/2011: di certo, infatti, il disagio subito dai turisti ha vanificato o quanto meno limitato i benefici e le aspettative della vacanza.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Il pignoramento del conto cointestato
» Il perfezionamento della notifica di un atto giudiziario consegnato a persona diversa dal destinatario
» Gli avvocati non crescono più
» Polizza furto auto: condannata la compagnia di assicurazioni che non dà la prova contraria
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF