Sei in: Home » Articoli

Se la morte è contestuale alle lesioni nessun risarcimento per gli eredi

La sentenza delle Sezioni Unite n. 15350 del 22 luglio 2015
Bilancia e martello

La pronuncia tanto attesa delle sezioni unite della Cassazione in merito al danno tanatologico alla fine è arrivata, lasciando dietro di sé scontentezza e malumori. 

Con la sentenza n. 15350/2015 del 22 luglio, di cui si è già data notizia in questo portale (V. Danno da PERDITA DELLA VITA - Ecco la sentenza! L'occasione persa delle Sezioni Unite n. 15350 del 22.7.2015) i giudici del palazzaccio hanno fatto dietro front rispetto alla innovativa sentenza n. 1361 del 23 gennaio 2014 emessa dalla terza sezione e confermata dall'ordinanza n. 5056 del 4 marzo 2014: la perdita del bene della vita non è più, per la Corte, oggetto di un diritto assoluto e inviolabile, in quanto tale risarcibile senza che sia necessaria la consapevolezza da parte del danneggiato/vittima.

Oggi, chiudendo un contrasto che è durato oltre un anno, le Sezioni Unite affermano infatti che il danno che deriva dal decesso immediato o, comunque, dal decesso che non sia preceduto da agonia non è risarcibile: mancherebbe il de cuius e non potrebbe essere invocato un risarcimento del danno iure hereditatis.

Il presupposto è che la vita e la salute sono entità distinte e in quanto tali vanno distintamente tutelate: la vita, infatti, costituirebbe un bene autonomo, fruibile solo in natura e solo da parte del titolare e insuscettibile di essere reintegrato per equivalente, e la morte non rappresenterebbe la massima offesa possibile del diverso bene salute.

Secondo la Corte, quindi, una perdita rappresenta un danno risarcibile solo se riguarda un soggetto in grado di far valere un credito risarcitorio, credito che non può essere riconosciuto nel caso di morte verificatasi contestualmente o immediatamente dopo rispetto alle lesioni personali.

E tale conclusione è suffragata da una minuziosa (e da molti contestata) analisi demolitoria di tutte le argomentazioni in senso contrario diffuse tra gli interpreti.

In sostanza il punto è stato messo: per la Corte di cassazione non c'è danno se le lesioni e la morte sono contestuali o in immediata successione.

Qui di seguito il testo integrale della sentenza.

Sezioni Unite, sentenza n. 15350/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(25/07/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF