Sei in: Home » Articoli

Cassazione: nessuna esimente per chi spara alle spalle del rapinatore.

E vanno anche risarciti i familiari del malvivente ucciso
Rapinatore armato
Aver sparato alle spalle del rapinatore gli è costata non solo una condanna penale ma anche una condanna al risarcimento del danno in favore dei familiari del rapinatore ucciso

La vicenda presa in esame dalla quarta sezione penale della Corte di Cassazione (sentenza n. 31001/2015) riguarda il caso di una barista che aveva reagito a un tentativo di rapina a mano armata

Due uomini si erano introdotti in un bar dove si trovava la titolare insieme a sua figlia
La prima, minacciata con una pistola da uno dei rapinatori si era difesa utilizzando una mazza per lavare il pavimento ed era fuggita all'esterno del locale. 

La seconda invece era scappata attraverso una porta interna che portava al piano superiore per chiamare in aiuto il fratello e veniva inseguita dall'altro rapinatore. 

Il fratello dopo aver visto che sua sorella era inseguita da un uomo armato si era scagliato contro l'aggressore riuscendo alla fine a disarmarlo. 

Il rapinatore però tentava di riavvicinarsi per riprendersi l'arma e in un susseguirsi continuo di avvicinamento ed allontanamenti era stato esploso un colpo che aveva colpito il rapinatore alla spalla sinistra. Una ferita che poi ne provocava la morte

Dall'autopsia era emerso che la vittima era stata colpita mentre si trovava girata di spalle al tiratore, "con colpo probabilmente esploso dal pianerottolo antistante il bar, con [il rapinatore] che si allontanava in discesa per poi il tiratore gettare l'arma proprio davanti al bar dove è stata rinvenuta".

Sulla base di tale quadro probatorio la Corte d'Assise di Appello di Caltanissetta, aveva confermato la decisione del GUP con cui l'imputato veniva condannato per omicidio colposo e al risarcimento del danno in favore delle parti civili.  

Il caso finiva dunque in Cassazione dove l'imputato lamentava il fatto che non gli fosse stata riconosciuta la scriminante della legittima difesa reale dato che il rapinatore si trovava ancora nel luogo della colluttazione e che pertanto il pericolo era persistente

L'imputato lamentava anche il fatto che i giudici di merito non avevano valorizzato correttamente lo stato di sconvolgimento emotivo e di grande concitazione del momento e che non avevano tenuto conto della circostanza che la situazione di pericolo per la sua vita era attuale dato che il rapinatore stava tentando più volte di avvicinarsi con fare minaccioso per riappropriarsi dell'arma. 

Tutto ciò aveva reso difficile attuare una scelta in modo lucido e razionale perché quando venne esploso il colpo l'atteggiamento del rapinatore era ancora rivolto ad attentare alla sua vita. 

La Corte di Cassazione ha respinto il ricorso ma in realtà non è entrata nel merito limitandosi a rilevare che non è possibile sottoporre al giudizio di legittimità questioni che si riferiscono a una diversa interpretazione dei fatti

All'esito del giudizio, l'imputato dovrà anche risarcire i familiari del rapinatore ucciso

Qui di seguito il testo della sentenza.

Corte di Cassazione, testo sentenza 16 luglio 2015, n. 31001
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(18/07/2015 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati: redditi sempre più bassi, è allarme
» Canone Rai: chi non vuole pagare nel 2017 deve dichiararlo entro dicembre
» Trenitalia: treni "nascosti" per fare acquistare i viaggi più cari, Antitrust apre istruttoria
» Cassazione: la clausola claims made non è vessatoria
» I compensi per l'atto di precetto con tabella e strumento di calcolo online
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF