Sei in: Home » Articoli

Anche l'America dice sì alle nozze gay

Storica decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che ha dichiarato incostituzionali le leggi dei singoli Stati che vietano i matrimoni gay
matrimonio gay omosessuali

di Marina Crisafi – Celebrata con i colori dell'arcobaleno, che hanno tinto persino la Casa Bianca, la storica decisione della Corte Suprema di ieri ha sancito il sì definitivo per le nozze gay in tutti gli Stati Uniti. 

Non spetterà più ad ogni singolo Paese, dunque, stabilire se il matrimonio tra persone dello stesso sesso è legale o meno, perché si tratta di un diritto costituzionale cui dovranno adeguarsi tutti i 50 Stati consentendo l'unione all'interno degli stessi e riconoscendo quelle effettuate fuori dai loro confini.

Sino ad oggi, i matrimoni fra persone dello stesso sesso erano legali in 36 Stati (e nel district of Columbia) ma vietati in altri 14. Da qui, il ricorso di alcune coppie del Kentucky, del Michigan, dell'Ohio e del Tennessee cui la Corte Suprema ha dato ragione.  

La sentenza, infatti, ha dichiarato incostituzionali le leggi statali che vietavano i matrimoni omosessuali, con 5 voti a favore su 9.

Per i giudici “conservatori” sulla questione toccava decidere ai politici e non ai giudici, mentre i 5 liberal hanno optato per il sì, mettendo al bando un divieto contrario ai principi della Costituzionale americana che garantisce l'uguaglianza di tutti i cittadini.

Salutata come “una vittoria per l'America” dallo stesso presidente Barack Obama nel giardino della White House, la decisione è stata accolta con giubilo dalle coppie cui sino ad oggi era stato impedito il diritto di unirsi in matrimonio.

Migliaia di persone che andranno ad unirsi alle quasi 400mila coppie gay (dati Ucla) già regolarmente sposate negli Stati Uniti. 

Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(27/06/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Avvocati: fino a mille euro per ogni figlio
» Quali beni non possono essere pignorati?
» Giovani avvocati: fino a tremila euro per master e titoli
» Anatocismo: cacciato dalla porta, torna dalla finestra
» Condominio: per la telecamera sulle parti comuni l'unanimità non serve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF