Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non commette omicidio colposo chi investe una persona in autostrada che non indossa il giubbetto catarifrangente

Occorre tenere conto anche della prevedibilitÓ ed evitabilitÓ dell'evento da parte dell'agente modello
Foto di un'autostrada di notte vista dall'alto
Va assolto dal delitto di omicidio colposo chi investe una persona in autostrada che Ŕ scesa dall'abitacolo di un auto in avaria senza indossare il giubbetto catarifrangente. Lo afferma la quarta sezione penale della Corte di Cassazione con la sentenza n. 24217/15 qui sotto allegata.

Nella fattispecie la vittima era scesa dalla sua auto e, trovandosi al centro della corsia, era stata investita da un auto in transito.

Il conducente che lo aveva investito era stato condannato per omicidio colposo dalla Corte di Appello di Salerno che aveva a sua volta riformato una sentenza assolutoria di primo grado.

Secondo i giudici della Corte d'appello, il solo rispetto dei limiti di velocitÓ da parte dell'imputato non lo avrebbero esentato dall'obbligo di rispettare le "regole generali in tema di velocitÓ stabilite dell'art. 141 codice della strada che impongono al conducente, indipendentemente dal rispetto dei limiti massimi di velocitÓ, di commisurare l'andatura alla situazione concreta del traffico, del veicolo, ed alle condizioni di visibilitÓ".

Di diverso avviso la Corte di Cassazione secondo cui nel caso di specie non pu˛ imputarsi al conducente del veicolo investitore, che procedeva a una velocitÓ di 90 km orari, il mancato rispetto delle disposizioni di cui all'art. 141 comma 2 cod. strada a cui fa riferimento la sentenza impugnata.

Nella fattispecie, infatti, l'imputato stava percorrendo la corsia di destra e questa era sgombra da ostacoli e non occupata dalla autovettura incidentata che era invece ferma a sinistra. 

Regolare anche la velocitÓ: quella di 90 km/h in autostrada non pu˛ a priori considerarsi andatura imprudente e inadeguata "dovendosi al contrario reputare pericolosa una andatura ancora pi¨ contenuta, sia pure al solo ipotetico scopo di verificare l'esistenza di eventuali feriti ed eventualmente prestare soccorso

Piuttosto, annota la Corte, la presenza sulla carreggiata del conducente dell'autovettura incidentata Ŕ una circostanza che viola le pi¨ elementari norme di prudenza e di cautela.

Come si legge nella parte motiva della sentenza, la decisione dei giudici d'appello presenta diversi aspetti di criticitÓ "riguardo all'applicazione dei princýpi che, nel nostro ordinamento, sovrintendono alla responsabilitÓ per colpa, in particolare per quel che attiene: alla violazione delle regole cautelari ritenute rilevanti e applicabili alla fattispecie (colpa in senso oggettivo; all'efficacia causale di tale violazione rispetto all'evento (causalitÓ della colpa); alla prevedibilitÓ ed evitabilitÓ dell'evento da parte dell'agente modello (colpa in senso soggettivo)".

Qui di seguito in allegato il testo integrale della sentenza.



Cassazione Penale, testo sentenza 24217/2015
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(07/06/2015 - N.R.)
Le pi¨ lette:
» EreditÓ: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF