Sei in: Home » Articoli

Arriva iCoach, la nuova app per smettere di fumare “firmata” Ue

Lanciata dalla Commissione Europea la piattaforma per smartphone e tablet è disponibile in 23 lingue
sigaretta fumo

di Marina Crisafi - Smettere di fumare? Oggi si può gratuitamente con iCoach, l'app lanciata dall'Ue per smartphone e tablet disponibile in 23 lingue.

L'idea in realtà non è nuova. La piattaforma nasce, infatti, nasce nel 2011 per la prima volta, nell'ambito della campagna “Ex smokers are unstoppable” (“Gli ex fumatori sono inarrestabili”) ma ora alla sua quinta edizione promette risultati notevoli, soprattutto nella fascia d'età tra i 24 e i 35 anni, alla quale è in particolare dedicata.

Sembra infatti che il 30% degli utenti che l'hanno provata abbiano dato un definitivo taglio al fumo.

Ma come funziona?

Una volta scaricata in maniera totalmente gratuita, iCoach presenta innanzitutto un breve questionario per introdurre l'aspirante ex fumatore sul cammino virtuoso della redenzione dal tabacco, sviluppato in cinque fasi, a seconda che si sia già pianificato o meno di smettere di fumare, di volerlo fare ma non con certezza, di averlo già deciso, appena fatto o aver smesso già da tempo.

In base a ciascuna delle fasi, la piattaforma sviluppa poi un programma suddiviso in cinque step, in alcuni casi anche personalizzati, tenendo conto ad esempio di quante sigarette vengono fumate al giorno, di qual è l sigaretta più desiderata della giornata, ecc.

La leva su cui spinge iCoach per far redimere anche il più accanito fumatore è quella di spingerlo ad una sorta di “gara” per raggiungere l'obiettivo di smettere, sentendosi parte integrante di una comunità.

A tal fine, infatti, l'app fornisce aggiornamenti in tempo reale sul numero di persone registrate, sulle fasi percorse e sui risultati raggiunti dagli altri, ponendo davanti all'utente la sfida di fare sempre di più, quanto o meglio degli altri, condividendo anche i propri successi personali sui social network. 

(28/05/2015 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» La querela di falso
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
In evidenza oggi
In arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefonoIn arrivo carcere fino a 8 anni per chi truffa gli anziani al telefono
Giudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunaliGiudici e avvocati: serve più sicurezza nei tribunali
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF