Quali diritti può avere chi non è stato ancora concepito?

La legge riconosce una sorta di capacità giuridica al nascituro non ancora concepito in materia di testamento e donazione
neonato id9858

Domanda: Si può riconoscere la capacità giuridica al nascituro che non è stato ancora concepito? E in particolare quali diritti può avere?

Risposta: Con l'espressione "capacità giuridica" si definisce l'idoneità ad essere titolari di diritti e doveri giuridici. Nell'ordinamento italiano, la persona fisica acquista tale capacità al momento della nascita (cfr. art. 1 comma 1 codice civile), ovvero con la separazione del feto dall'alveo materno (cfr. ex multis, Cass. n. 2023/1993) e la conserva fino al momento della morte.

Tuttavia, così come il concepito (ossia colui che è stato procreato ma non ancora venuto al mondo), il quale, pur non essendo considerato soggetto giuridico vede riconosciuta la titolarità di una serie di diritti subordinati all'evento della nascita (leggi: "Quale capacità la legge riconosce al concepito?"), anche a chi non è stato ancora concepito viene riconosciuta dall'ordinamento una sorta di “capacità giuridica” in due specifiche circostanze.

Infatti, in base a quanto stabilito dall'art. 462, terzo comma, codice civile il nascituro non ancora concepito, al tempo della morte del de cuius (analogamente ai già nati e concepiti) può ricevere per testamento, mentre ex art. 784 c.c. ha la capacità di ricevere per donazione (la cui accettazione però spetta ai genitori o al curatore speciale ex artt. 320 e 321 c.c.).

Condizione imprescindibile affinché entrambe le circostanze possano verificarsi è che si tratti di figli di una determinata persona vivente al momento dell'effettuazione del testamento o della donazione

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(06/06/2015 - Domande e Risposte)
Le più lette:
» Avvocati di successo: le sei abilità necessarie
» Il peggior cliente che l'avvocato possa mai sperare di avere…
» Paga il danno da alienazione parentale la mamma che non fa vedere il figlio all'ex
» Avvocati: da Shakespeare a Oscar Wilde, i più celebri aforismi sul mondo dell'avvocatura
» Risarcimento in libri per la baby squillo dei Parioli
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
bottone newsletter Icona Facebook Icona Rss Icona Google plus Icona twitter Icona linkedin
Print Friendly and PDF