Sei in: Home » Articoli

Metalmeccanici industria: ipotesi di accordo relativa al rinnovo 2010-2012

In previsione della scadenza della parte retributiva al 31 dicembre 2009, tale rinnovo accorda un incremento medio dei minimi retributivi di 112 euro, da erogarsi in tre tranche alle seguenti scadenze: la prima dal 1° gennaio 2010, la seconda dal 1° gennaio 2011, la terza dal 1° gennaio 2012. Tale ipotesi è stata sottoscritta da Federmeccanica, Assistal, Fim-Cisl, Uilm-Uil. Le Parti, hanno inteso definire, a titolo perequativo, dal 1 gennaio 2011, una cifra annua pari ad euro 195,00 euro. Hanno inteso elevare a 50 ore annue, nelle unità produttive che occupano da 50 fino a 100 dipendenti, e a 70 ore annue, in quelle con più di 100, i permessi retributivi attribuiti ad ogni Rls. L'aliquota contributiva carico dell'azienda, già prevista pari all'1,2%, sarà elevata all'1,4% dal 1° gennaio 2012 e all'1,6% dal 1° gennaio 2013 a condizione che il lavoratore contribuisca almeno con pari aliquota.
Dal 1° gennaio 2013 l'aliquota aumenterà all'1,6% anche per apprendisti. Novità per lavoro supplementare: è consentito fino al raggiungimento delle 40 ore settimanali e per una quantità annua non superiore al 50% della normale prestazione annua a tempo parziale ed è compensato con una maggiorazione omnicomprensiva del 10%, per le prestazioni eccedenti tale limite annuo la maggiorazione sarà pari al 20%.
(18/11/2009 - Francesca Bertinelli)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Case, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla CameraCase, assicurazione obbligatoria contro i terremoti in bolletta: la proposta alla Camera
Divorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegnoDivorzio: la nuova convivenza dell'ex non basta per dire addio all'assegno
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF