In previsione della scadenza della parte retributiva al 31 dicembre 2009, tale rinnovo accorda un incremento medio dei minimi retributivi di 112 euro, da erogarsi in tre tranche alle seguenti scadenze: la prima dal 1° gennaio 2010, la seconda dal 1° gennaio 2011, la terza dal 1° gennaio 2012. Tale ipotesi è stata sottoscritta da Federmeccanica, Assistal, Fim-Cisl, Uilm-Uil. Le Parti, hanno inteso definire, a titolo perequativo, dal 1 gennaio 2011, una cifra annua pari ad euro 195,00 euro. Hanno inteso elevare a 50 ore annue, nelle unità produttive che occupano da 50 fino a 100 dipendenti, e a 70 ore annue, in quelle con più di 100, i permessi retributivi attribuiti ad ogni Rls. L'aliquota contributiva carico dell'azienda, già prevista pari all'1,2%, sarà elevata all'1,4% dal 1° gennaio 2012 e all'1,6% dal 1° gennaio 2013 a condizione che il lavoratore contribuisca almeno con pari aliquota. Dal 1° gennaio 2013 l'aliquota aumenterà all'1,6% anche per apprendisti. Novità per lavoro supplementare: è consentito fino al raggiungimento delle 40 ore settimanali e per una quantità annua non superiore al 50% della normale prestazione annua a tempo parziale ed è compensato con una maggiorazione omnicomprensiva del 10%, per le prestazioni eccedenti tale limite annuo la maggiorazione sarà pari al 20%.

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: