Sei in: Home » Articoli

Cassazione:viola il C.d.S. chi guida un ciclomotore con esposta una fotocopia in luogo del contrassegno originale

"L'utente non ha la facoltÓ di circolare alla guida di un ciclomotore applicando al veicolo la copia fotostatica del suo contrassegno". E' quanto ha osservato di recente la Corte di Cassazione (Sent. 4387/07) precisando che "la disposizione dell'art. 97 del Codice della Strada mira a garantire il valore del contrassegno di identificazione del veicolo, al fine di scongiurare possibili manipolazioni dei dati ivi riportati e, ad un tempo, consentire agli addetti alla circolazione l'immediato riscontro dei dati di identificazione del veicolo".
(10/04/2007 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» Condominio: condannato chi urla di notte per far smettere di abbaiare i cani
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sý al pernotto dal papÓ anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss