Il welfare aziendale comprende una serie di benefici e misure predisposta dal datore di lavoro per diffondere il benessere dei dipendenti in azienda
computer telematico

Cos'è il welfare aziendale

[Torna su]

Il welfare aziendale non può essere ricondotto a una definizione univoca, in quanto sono molteplici le modalità con le quali lo stesso è realizzato.

In via generale, il benessere dei lavoratori in azienda è perseguito ponendo in essere iniziative di varia natura, sia a carattere unilaterale che contrattuale, e prevedendo diversi benefici e molteplici misure pensati per migliorare il clima in azienda, nella convinzione che, in tal modo, si accresce anche la produttività.

Welfare aziendale, esempi

[Torna su]

È un esempio comune di welfare aziendale la previsione di forme di assistenza sanitaria integrativa o di sistemi di previdenza complementare per i dipendenti.

Si segnalano, poi, le misure di sostegno economico e quelle destinate all'istruzione dei figli dei dipendenti.

Fanno parte del welfare aziendale anche la possibilità di ottenere mutui e finanziamenti a tasso agevolato, la previsione di sconti in attività o palestre o per l'acquisto di specifici prodotti, la previsione di servizi di trasporto collettivo da casa a lavoro e viceversa o di sconti per utilizzare quelli pubblici, l'assistenza per anziani non più autosufficienti, il rimborso per le spese per corsi di lingue o altre attività compiute dai figli dei lavoratori e così via.

Si segnalano, infine, i fringe benefits, che sono beni o servizi concessi al lavoratore, come automobile o telefono aziendale, buoni carburante, alloggi, viaggi premio, etc..

Come realizzare un sistema welfare

[Torna su]

Prima di realizzare un sistema welfare, le imprese fanno di norma un'analisi comparata dei costi che gli stessi potrebbero comportare e dei vantaggi che ne potrebbero ottenere, in termini soprattutto di produttività dei dipendenti e di fidelizzazione degli stessi.

Per accertarsi dell'effettiva utilità e dell'effettivo gradimento degli strumenti utilizzati per il welfare aziendale, quasi sempre si procede al coinvolgimento dei lavoratori.

Di norma vengono poi realizzate delle piattaforme o degli opuscoli informativi che fanno sapere ai dipendenti quali sono i benefici loro riconosciuti per il fatto di essere dipendenti di una determinata azienda.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: