Sei in: Home » Articoli

In arrivo il processo telematico unico

Il progetto, elaborato dal gruppo intermagistratura delle giurisdizioni civile, amministrativa e tributaria, dovrebbe presto trasformarsi in un disegno di legge
uomo con digitale sotto la camicia simbolo evoluzione internet

di Valeria Zeppilli – Il gruppo intermagistratura delle tre giurisdizioni civile, amministrativa e tributaria sta portando avanti un progetto che potrebbe presto rendere più agevole per i legali districarsi nel mondo dell'avvocatura moderna: il processo telematico unico.

Processo telematico unico: il progetto

Il progetto, del quale si è discusso nel corso dell'ultimo Forum della PA, dovrebbe riversarsi a breve in un disegno di legge ed è costruito attorno ad alcuni elementi fondamentali:

  • un'unica modalità di deposito degli atti per le diverse giurisdizioni;
  • la sostituzione della firma digitale e della pec con la nuova "Identità digitale";
  • l'omogeneizzazione dei diversi termini per il deposito degli atti.

L'idea, inoltre, è quella di predisporre un sistema per rendere accessibili le sentenze tenendo conto della privacy delle parti coinvolte e nel rispetto del loro diritto all'oblio.

I problemi interpretativi

Peraltro, le problematiche che riguardano il processo telematico e che creano difficoltà agli operatori del settore non derivano esclusivamente dalle diverse modalità con le quali lo stesso si articola nel settore civile, in quello amministrativo e in quello telematico, ma anche dalla poca chiarezza di alcune norme e dai conseguenti accesi contrasti interpretativi inerenti ad aspetti fondamentali delle procedure. Senza considerare che la Corte di cassazione non è ancora stata coinvolta dalla digitalizzazione, con tutte le conseguenze che ne derivano sulla gestione dei processi che si protraggono per tutti i tre gradi di giudizio.

Insomma: se il progetto del gruppo intermagistratura dovesse andare a buon fine, per gli avvocati la professione del terzo millennio dovrebbe divenire meno ostica.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(09/06/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Usura e restituzione degli interessi del mutuo
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura

Newsletter f g+ t in Rss