Sei in: Home » Articoli

Le obbligazioni subordinate

Cosa sono e quali sono le responsabilità per la banca
Avvocato stressato con le mani nei capelli
di Roberto Paternicò - Come dice la parola stessa "subordinata" si indica un titolo obbligazionario, il cui pagamento delle cedole e il rimborso del capitale, possono essere soddisfatti solo dopo aver corrisposto quanto dovuto agli altri creditori (non subordinati) .
Pertanto, in caso di particolari difficoltà finanziarie dell'emittente, proprio perché titoli rischiosi, le loro sorti dipendono dalla soddisfazione degli altri creditori non subordinati (o subordinati a livello inferiore).
Per tale rischio, quindi, il titolo dovrebbe rendere più di un'obbligazione ordinaria, ma tale aspetto non si è registrato nei titoli emessi da alcune banche poste in liquidazione.
A questa categoria di obbligazioni appartengono varie tipologie che dipendono dal grado di subordinazione del titolo stesso e cioè caratterizzato da un maggior o minor rischio.
Nella fascia "meno" a rischio troviamo c.d. Lower Tier 2, in cui le cedole (fisse o variabili) vengono sempre pagate alla data prevista e sono bloccate solo in caso di insolvenza dell'emittente. Hanno scadenza compresa fra 5 e 10 anni.
Nello stesso grado di subordinazione seguono le c.d. Tier 3, che variano solo per una scadenza inferiore rispetto alle precedenti (inferiore ai 5 anni).
Al livello successivo troviamo le c.d. Upper Tier 2, più rischiose rispetto alle precedenti perché prevedono la possibilità per l'emittente di bloccare il pagamento delle cedole in caso di profitti insufficienti o in caso di sospensione dei pagamenti di dividendi sulle azioni ordinarie. Le cedole bloccate vengono, comunque, cumulate e corrisposte quando é stata ripristinata la situazione e/o risolto il problema economico dell'emittente che aveva determinato la sospensione del pagamento.
Infine, abbiamo le c.d. Tier 1, la tipologia più rischiosa. Questi titoli sono senza scadenza ed é facoltà dell'emittente rimborsarli in anticipo, dopo un certo periodo di tempo dall'emissione (10 anni).
Il rischio per il sottoscrittore è elevato perché:
- può essere annullato il pagamento delle cedole (non solo sospeso);
- se l'emittente subisce perdite che ne compromettono la solidità patrimoniale, il capitale dei titoli viene decurtato, pro-quota, in rapporto alle perdite dell'emittente stessa.
Le diverse tipologie di obbligazioni subordinate non sono facilmente riconoscibili da parte del comune investitore.
Con l'introduzione del bail-in (in vigore dal 1° gennaio 2016) per le banche in dissesto, i possessori di questi titoli possono subire perdite, anche, ingenti.
Le obbligazioni subordinate, inoltre, trovano difficoltà nella vendita poiché ogni emissione ha particolari caratteristiche volute dall'emittente per propri scopi patrimoniali e spesso non possono essere scambiate su mercati.
Quando la situazione dell'emittente, quindi, diventa difficile il mercato diventa illiquido ed é difficile liberarsi di detti titoli pur accettando una perdita di valore, al fine di evitare la perdita totale.
Sulle tematiche attinenti l'inadeguatezza dell'investimento, la diligenza, la correttezza e la professionalità dell'intermediario, si é espressa di recente la giurisprudenza di merito e la Corte di Cassazione. Nell'allegato alcuni cenni.

SCARICA IL PDF COMPLETO E ILLUSTRATO
Contenzioso Bancario
(31/07/2016 - Dott.Roberto Paternicò) Foto: 123
In evidenza oggi:
» Anche l'avvocato negligente va pagato
» Conto corrente gratis in vigore
» Avvocati: assicurazione professionale anche per i praticanti
» Conto corrente gratis in vigore
» Usura: le Sezioni Unite sulla commissione di massimo scoperto


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss