Sei in: Home » Articoli

Domande e risposte: la pelliccia può essere considerata un bene di consumo?

Vediamo se tale capo di abbigliamento può rientrare nel campo di applicazione del Codice del consumo
donna indossa pelliccia

Domanda: "Si può considerare una pelliccia come un bene di consumo, in quanto tale rientrante nel campo di applicazione del d.lgs. n. 206/2005?"

Risposta: "Certamente sì. Il codice del consumo (d.lgs. n. 206/2005), infatti, all'articolo 3 chiarisce che sono prodotti che rientrano nel suo campo di applicazione tutti quelli destinati al consumatore o suscettibili di essere utilizzati dal consumatore, anche se non a lui destinati, forniti o resi disponibili a titolo oneroso o gratuito nell'ambito di un'attività commerciale, indipendentemente dal fatto che il prodotto stesso sia nuovo, usato o rimesso a nuovo. Restano esclusi i prodotti usati, forniti come pezzi d'antiquariato o come prodotti da riparare o da rimettere a nuovo prima dell'utilizzazione, pur se a condizione che il fornitore ne informi per iscritto la persona cui fornisce il prodotto.

Sono fatte salve, poi, specifiche disposizioni particolari poste dal codice stesso, ma che non hanno nulla a che vedere con le pellicce.

Il codice non dimentica neanche di sottolineare che è consumatore la persona fisica che agisce per scopi estranei all'attività imprenditoriale, commerciale, artigianale o professionale che eventualmente svolga.

Insomma: se si acquista una pelliccia a scopo non professionale, di certo si rientra nel campo di applicazione del d.lgs. n. 206/2005.

Anzi, proprio recentemente l'applicabilità del codice del consumo a tali tipologie di beni ha indotto il Ministero della salute a disporre il ritiro dal mercato di alcuni capi d'abbigliamento per bambini, composti di pellicce animali. Il ritiro, infatti, è stato disposto ai sensi dell'articolo 107 del d.lgs. n. 206/2005, che disciplina i controlli a tutela della salute del consumatore".

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(30/01/2016 - Domande e Risposte)
In evidenza oggi:
» Casa familiare all'ex anche se la figlia va all'università fuori città
» Arriva la riforma del processo civile
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss