Sei in: Home » Articoli

Se gli eredi rifiutano il test del DNA e fanno cremare la salma, il defunto può diventare padre

Per la Cassazione, il contegno processuale dei figli va valutato come elemento di prova rilevante pur se non esclusivo o preminente
dna id9403
di Valeria Zeppilli – Con la sentenza numero 24444/2015, depositata il 1° dicembre (qui sotto allegata), la Corte di Cassazione ha sancito che possono configurarsi quali elementi di prova rilevanti per far scattare il riconoscimento di paternità le circostanze che la salma del padre defunto sia stata cremata e che gli altri figli si rifiutino ingiustificatamente di sottoporsi all'esame del DNA.

Nel caso sottoposto all'attenzione della Corte, il giudice di primo grado aveva riconosciuto che il padre dei ricorrenti aveva un'altra figlia, nata da una relazione extraconiugale.

La Corte d'appello, dinanzi alla quale i fratelli avevano impugnato la sentenza di primo grado, aveva rigettato l'impugnazione evidenziando che l'ingiustificato rifiuto di sottoporsi all'esame del DNA andava correttamente valorizzato come elemento di prova. L'accertamento, infatti, avrebbe concorso a delineare il quadro probatorio complessivo, permettendo l'acquisizione di dati attendibili senza interferire sullo status filiale degli appellanti.

La Cassazione, interessata della questione, ha sottolineato che la Corte di appello, correttamente, non ha assunto il contegno processuale dei fratelli come elemento esclusivo e preminente del riconoscimento del rapporto di paternità, ma lo ha valutato unitamente a numerosi altri elementi presuntivi, gravi, univoci e convergenti.

Ad esso, oltre alla cremazione caratterizzata da circostanze anomale, si è aggiunta infatti anche la provata sussistenza di una relazione sentimentale e sessuale tra il padre e la donna che ha generato la figlia giudizialmente riconosciuta tale, relazione compatibile con l'epoca del concepimento.

La sentenza di secondo grado, dunque, non è sindacabile in sede di legittimità.

Ai ricorrenti non resta che aprire ufficialmente le porte alla "nuova" sorella.

Corte di cassazione testo sentenza numero 24444/2015
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(06/12/2015 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Avvocati: polizza infortuni a metàAvvocati: polizza infortuni a metà

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF