Sei in: Home » Articoli

Gratuito patrocinio: Cassazione, nel calcolo si tiene conto anche del reddito non imponibile

Il reddito non soggetto ad imposizione viene comunque conteggiato come reddito complessivo per essere ammessi al gratuito patrocinio. È quanto stabilito dalla Corte di Cassazione con una sentenza deposita il 12 ottobre (la n. 36362) con cui ha respinto il ricorso di una donna che chiedeva di essere ammessa al patrocinio a spese dello stato. La donna aveva eccepito che le donazioni, consistenti in somme di danaro escluse dalla tassazione, non potevano rientravano nel computo del reddito complessivo per essere ammessi al gratuito patrocinio. Al contrario di quanto aveva eccepito la donna, la Corte ha quindi deciso la questione spiegando che, pur non essendo soggetto a tassazione, questi introiti devono comunque essere calcolati per stabilire il reddito complessivo del soggetto che chiede di essere ammesso al gratuito patrocinio.
In particolare, dalla parte motiva della sentenza si legge infatti che “qualsiasi introito che l'istante percepisce con caratteri di non occasionalità, confluisce nel formare il reddito personale (non aggiuntivo dei familiari conviventi), ai fini della valutazione del superamento del limite indicato nell'art. 76 DPR 1152002”. La Corte ha inoltre specificato quali tipi di reddito rientrano nel computo e cioè ha aggiunto che “rilevano anche i redditi che non sono stati assoggettati ad imposte vuoi perché non rientranti nella base imponibile, vuoi perché esenti, vuoi perché di fatto non hanno subito alcuna imposizione: ne consegue che rilevano anche i redditi da attività illecite ovvero i redditi per i quali l'imposizione fiscale è stata esclusa”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(15/10/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Infortuni: arriva il reato di omicidio sul lavoro
» Bollo auto: se non paghi entro 3 anni radiazione sicura
» Revisioni auto: le novità per il 2017
» Avvocato e notaio: ecco le professioni più noiose
» Due multe da 286 euro e salvi la patente
In evidenza oggi.
Due multe da 286 euro e salvi la patente
Arriva il reato di sciacallaggio
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF