Sei in: Home » Articoli

In libreria: Memento pratico / Fallimento 2010

memento_fallimento id8332
L'opera analizza la vecchia legge fallimentare, tutte le novità della riforma e le modifiche introdotte dal decreto correttivo in vigore da gennaio 2008. La consultazione è semplice e immediata grazie ai numerosi esempi, tabelle, schemi riassuntivi e al continuo riferimento a casi pratici. Il volume si apre con un articolato esame della crisi d'impresa, dei suoi sintomi e degli strumenti di cui l'impresa dispone per tentare il risanamento o il superamento delle difficoltà, quali l'accordo di ristrutturazione dei debiti, il piano di risanamento e il rinnovato procedimento di concordao preventivo. Viene poi esaminata organicamente la disciplina del fallimento, trattato con riferimento alla nuova legge fallimentare oramai consolidata dopo i tre importanti interventi riformatori che l'hanno riguardata. Il volume esamina anche le altre due procedure concorsuali previste dal nostro ordinamento: la liquidazione coatta amministrativa e l'amministrazione straordinaria, quest'ultima integrarta sia con il decreto Parmalat che con quello Alitalia. Utile, pratica ed immediata è poi l'appendice legislativa che contiene un confronto diretto su tre colonne: la prima riporta le disposizioni in vigore dal 01.01.08, la seconda indica la disciplina risultante dalla riforma 2006, la terza continene la legge fallimentare del 1942.
(A.A.V.V., Ipsoa-Francis Lefebvre, 2010, p. 1053, euro 103,00)
(22/04/2010 - Amedeo Pisanti)
Le più lette:
» Trasferimento ex legge 104: l'istanza di cambio incarico non può essere trascurata dall'amministrazione
» Caregiver: in arrivo fino a 1.900 euro per chi assiste un familiare disabile
» Assicurazione avvocati: al via il countdown per l'obbligo di polizza
» Codice della strada: al via le multe europee
» Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso
In evidenza oggi
Telefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal clienteTelefonia: reato attivare un servizio mai richiesto dal cliente
Avvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un erroreAvvocato: niente responsabilità per il solo fatto di aver commesso un errore
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF