Sei in: Home » Articoli

Cassazione: amianto in azienda? Condanne più facili per le aziende

La Quarta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 42128/2008) ha stabilito che debbono essere sanzionate pesantemente le aziende che espongono i propri lavoratori all'amianto. Più in particolare, gli Ermellini hanno precisato che il datore di lavoro rischia una condanna per i decessi e per le malattie contratte dai propri lavoratori e ciò anche se questi, molti anni prima, avevano lavorato per brevi periodi in fabbriche a rischi amianto e anche se la presenza delle sostanze nocive viene accertata nei pressi della sua abitazione. Nel caso di specie, la Corte ha evidenziato che “il tema del ruolo acceleratore dell'esposizione protratta all'amianto e della sua conseguente rilevanza causale, connessa all'abbreviazione della latenza ed alla anticipazione dell'evento letale, è venuto in evidenza ripetutamente nella giurisprudenza di merito.
Al riguardo è pure reiteratamente intervenuta questa Corte suprema, chiamata a valutare la correttezza metodologica dell'utilizzazione delle discusse enunciazioni scientifiche in ordine all'effetto acceleratore della latenza, determinato dalla protratta esposizione”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(03/12/2008 - Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Avvocati: niente contributi minimi alla Cassa né obbligo di iscrizione
» Equitalia: chiedere il pagamento rateale non significa ammettere il debito
» Divorzio: arrivano gli hotel che aiutano le coppie a lasciarsi
» Multe: quali sono i "vizi" che le rendono nulle?
» Accesso agli atti: dalla legge 241 alla riforma Madia
In evidenza oggi
Risarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionaliRisarcimento danni: in arrivo le tabelle uniche nazionali
Gratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocatiGratuito patrocinio: onorari più alti per gli avvocati
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF