Sei in: Home » Articoli

Il comportamento dell'amministratore di SocietÓ, nei confronti dei terzi, deve essere valutato caso per caso

sentenza bilancia martello giustizia
Avv. Michele Esmanech - studiolegale@sl.esmanech.it
Se, da un lato, i poteri degli amministratori di una SocietÓ di capitali sono pubblicati in Camera di Commercio (ai sensi dell'art.2384 e 2384 bis cod.civ., la stessa norma non Ŕ applicabile anche alle SocietÓ di persone, nemmeno in via analogica, in quanto regolate da altre norme (ovverosia dall'art.2298 cod.civ.); la norma che disciplina le SocietÓ di capitali Ŕ stata letta dalla Suprema Corte, con sentenza del 19 febbraio 2014, n.3900, come un principio che non pu˛ non avere effetto sull'intero sistema, partendo dal legittimo affidamento del terzo, che tratti con un amministratore di una SocietÓ di persone, con il convincimento che tale soggetto abbia i poteri per, appunto, trattare.
A corollario di quanto stabilito dalla Corte di Cassazione, quindi, il Giudice deve valutare caso per caso, se il soggetto che ha agito in nome e per contro della SocietÓ (di capitali e di persone) ha ingenerato nel terzo un errore sulla effettiva sussistenza dei poteri di rappresentanza.

Tale pronuncia Ŕ importante su un duplice aspetto: quanto al primo, per avere applicato il principio fondamentale della buona fede, applicando, de facto, a una fattispecie normativa (quella delle SocietÓ di persone) norme riferite ad altra fattispecie (quella delle SocietÓ di capitali); quanto al secondo aspetto, per avere valutato che il comportamento tenuto da un amministratore (o sedicente tale) deve essere valutato in concreto, caso per caso, a prescindere da quanto pubblicato nei pubblici registri.
Rimane, quindi, nella sfera discrezionale del Giudice di merito valutare se il comportamento del soggetto che ha agito in nome e per conto della SocietÓ abbia o meno ingenerato un legittimo convincimento nel terzo dei poteri di rappresentanza.
Poco importa, quindi che si tratti di una SocietÓ di Capitali o di Persone, e poco importa se il soggetto avrebbe potuto verificare i poteri del sedicente amministratore presso la competente Camera di Commercio: l'avere abusato della buona fede del terzo e l'avere ingenerato un erroneo convincimento che i poteri di rappresentanza sussistano Ŕ motivo per vincolare la SocietÓ con il terzo e per la SocietÓ di agire nei confronti dell'amministratore.
Avv. Michele Esmanech
Studio Legale Esmanech - via G.Modena 3, 20129 Milano
Tel 02/20241313 - email: studiolegale@sl.esmanech.it
(07/03/2014 - Avv.Michele Esmanech)
Le pi¨ lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilitÓ medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi Ŕ ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF