Sei in: Home » Articoli

Cassazione: adescamento minori nel web

violoenza minori
L'adescamento dei minori è reato anche se la condotta è iniziata, protratta o conclusa tramite il web! Si chiama tecnicamente “sexting”, lo scambio di comunicazioni, messaggi o con ogni altro mezzo (es. fotografico) a sfondo sessuale tramite lo strumento telematico e rientra nel generale fenomeno del “grooming”, consistente nel plagiare ed assoggettare la volontà del minorenne in modo graduale e manipolativa, facendogli compiere attività volte all'invio di immagini pedo-pornografiche, attraverso social network, chat line o scambio di sms o mms.

La Sentenza della Cassazione, n. 19033/2013 ha sancito il principio espresso in forza dell'art. 609-undecies c.p., introdotto dalla Legge n. 172/2012: la condotta incriminata è di “adescamento di minore” ed, così come riportato dalla lettera della norma, è punito ogni comportamento finalizzato ad ottenere la fiducia del soggetto d'età inferiore ai sedici anni, realizzando condotte che configurano i reati di pedofilia, pedo-pornografia e riduzione in schiavitù, disciplinati dal codice penale agli artt. 600 e successivi.

In altre parole, il suddetto reato (di mera condotta) consiste nell'acquisire la fiducia del minore (con dolo specifico) e si differenzia dagli artt. 414-bis c.p., quale l'istigazione pubblica o apologia di pratiche di pedofilia e pedo-pornografia e 416.7 c.p., quale l'associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati di pedofilia e pedo-pornografia, perché l'ambito applicativo include le condotte disciplinate da questi ultimi, in un quadro più generale.

Discutibile, però, la scelta d'impostare la fattispecie penale esclusivamente per i minori sotto i sedici anni, poiché altre disposizioni, come gli artt. 609-quater e quinquies c.p. sanzionano le condotta sessuali con e dei minori di quattordici anni: pertanto, si creano problematiche interpretative nel caso in cui il minore soggetto alla pratica disciplinata dalla norma penale sia maggiore di quattordici ma minore dei sedici anni. Una normativa senza dubbio da rivisitare nella sua generalità.
(14/05/2013 - A.V.)
Le più lette:
» Le chat su WhatsApp valgono come prova
» Avvocati e professionisti: è nata la prima polizza a tutela delle parcelle
» Separazione: addebito al marito per l'amicizia intima che fa sospettare il tradimento
» Avvocati: i termini di decadenza dei contributi alla Cassa Forense
» Scuola: anche gli avvocati in coda per fare i supplenti
In evidenza oggi
Unioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoptionUnioni civili: sono famiglie a tutti gli effetti, sì alla stepchild adoption
Le chat su WhatsApp valgono come provaLe chat su WhatsApp valgono come prova
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF