Sei in: Home » Articoli

Confcommercio: Sangalli, sempre più imprenditori spinti a gesti estremi. Va affrontata emergenza

povero tasca crisi soldi
La pressione fiscale arrivata a livelli intollerabili, il ritardo dei pagamenti da parte delle pubbliche amministrazioni, la difficoltà di accedere al credito sono fattori che creano grande disagio per le piccole imprese. È quanto mette in evidenza il Presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, richiamando l'attenzione sul triste fenomeno degli imprenditori suicidi che ha messo in luce sempre nuove storie disperate. Ricordiamo tra queste la vicenda del negoziante di Taranto che si è tolto la vita dopo essersi visto negare un prestito di 1000 euro e la storia del falegname di Noventa di Piave che ha deciso di farla finita per questioni economiche. Insomma il disagio cresce e fa le sue vittime.
Secondo Sangalli questo fenomeno dimostra che le piccole imprese stanno attraversando una situazione molto difficile e di grave sofferenza, in particolar modo quelle che vivono di domanda interna, molte delle quali hanno già chiuso. Le loro storie sono la testimonianza drammatica della durezza del lavoro per imprese che non reggono più la crescente pressione fiscale e la carenza di liquidità con la conseguenza che sempre più imprenditori sono spinti a compiere gesti estremi. Va ricordato che il tessuto produttivo italiano è costituito in prevalenza da piccole e medie imprese che oggi sono letteralmente strozzate dalla crisi ed è sempre più difficile ottenere un prestito o aprire una linea di credito. Insomma occorre affrontare quanto prima l'emergenza.
(10/03/2012 - N.R.)
Le più lette:
» Incidenti stradali: addio ai testimoni di comodo
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Avvocati contro la violenza sulle donne: il progetto Travaw
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Divorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euroDivorzio: niente assegno per chi guadagna più di mille euro
Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcereVideo e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF