Sei in: Home » Articoli

Cassazione: i bimbi sono suggestionabili. Il giudice deve ascoltarli con metodiche corrette

violoenza minori
Quando un giudice deve ascoltare bambini che sono state vittime di abusi sessuali deve assolutamente evitare metodologie poco corrette. I piccoli infatti, spiega la Corte di Cassazione, sono soggetti facilmente suggestionabili e tendono "ad adeguarsi alle aspettative dell'interlocutore e a riferire quello che l'adulto si aspetta". Per questo sottolinea la Corte i giudici debbono rivolgere ai bambini domande non suggestive perché diversamente si rischia che il piccolo risulti manipolato dall'adulto e riferisca solo ciò che l'adulto si aspetta di sentire. Il chiarimento arriva dalla quarta sezione penale della Suprema Corte secondo cui "i bambini piccoli hanno una memoria malleabile e possono incorporare nel loro patrimonio mnestico le informazioni ricevute dagli intervistatori fino a crearsi falsi ricordi autobiografici". La sentenza è l'epilogo di una vicenda giudiziaria che aveva coinvolto un padre indagato per abusi nei confronti della figlia che, all'epoca dei fatti, aveva quattro anni.
Altre informazioni su questa sentenza
(02/12/2011 - N.R.)
Le più lette:
» Avvocati matrimonialisti: l'alienazione parentale deve diventare reato
» Avvocato madre: arriva il legittimo impedimento per legge
» Divorzio: scacco matto all'assegno per la ex
» Divorzio finto per pagare meno tasse: sono oltre 6mila
» Legge 104: nuove regole per chiedere i permessi
In evidenza oggi
Addio, Professore!Addio, Professore!
Separazioni online: le prime a VicenzaSeparazioni online: le prime a Vicenza
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF

La riforma del processo penale è legge
Le novità e il testo