Sei in: Home » Articoli

Cassazione: “Sei un gay” è espressione disdicevole che integra reato di ingiuria se intento è denigratorio

Con la sentenza n. 10248, depositata il 15 marzo 2010, la Corte di Cassazione ha stabilito che configura il reato di ingiuria il termine gay se si riferisce a fatti “disdicevoli” e con evidente intento “denigratorio”, come ha spiegato la prima sezione Penale del Palazzaccio. Su ricorso proposto da un uomo che aveva dato del “gay” ad suo conoscente, la Corte, nel rigettare il ricorso e anche l'eccezione della “provocazione” visti di difficili rapporti intercorrenti tra i due soggetti, ha ribadito che il termine è ingiurioso quando viene “riferito a precisi fatti ritenuti disdicevoli, focalizzati come tali con inequivoco intento denigratorio e che esprimono riprovazione per le tendenze omosessuali del soggetto a cui si rivolge l'offesa”.
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(26/03/2010 - Luisa Foti)
Le più lette:
» Multe: quando scadono?
» Catene di Sant'Antonio su Whatsapp: chi c'è dietro e chi ci guadagna
» Avvocati: gli errori che rischiano di ostacolare la carriera
» Terremoto: ecco dove finiscono i soldi degli sms di solidarietà
» Isee: il software Inps per calcolarlo online
In evidenza oggi.
Avvocati: mantenimento alla ex moglie che ha lasciato la toga
Per la Cassazione se la professione è abbandonata per curare gli interessi del marito, l'assegno va corrisposto anche se il matrimonio è stato breve
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF