Studio Cataldi - diritto e notizie giuridiche

Certo, non è facile dire di no ad un amico che chiede del denaro in prestito. Ma se si è a conoscenza che lo stesso verrà utilizzato per l'acquisto di droga, può valere una condanna per concorso nel reato di spaccio. Lo ha stabilito la terza sezione penale della Cassazione, con sentenza n. 48011 del 20 novembre 2014, confermando la condanna di un giovane, in ordine al delitto di concorso in acquisto di 95 pasticche d...


Scrivi
Hai talento per la scrittura?
Pubblica un tuo articolo
Responsabilità civile magistrati: dopo il sì del Senato, la riforma è sempre più vicina. I punti principali e il testo in allegato
È sempre più vicina la riforma della responsabilità civile dei magistrati prevista dal p...
Cassazione: Legittimo l'abbandono del tetto coniugale se lui è un violento
Con ordinanza numero 24.830 del 21 novembre 2014 la Corte di Cassazione ha chiarito che l'abbandono ...
Cassazione: lecito pedinare la cognata per vedere chi frequenta
Se si sospetta che la moglie del proprio fratello abbia una qualche frequentazione extraconiugale è ...
Cassazione: può essere condannato per lite temeraria anche chi ha vinto il primo grado di giudizio
di Licia Albertazzi - Corte di Cassazione civile, sezione sesta, ordinanza n. 24546 del 18 No...
Dipartimento dell'Organizzazione giudiziaria: 5,2 milioni di affari civili arretrati. Obiettivo smaltire 800mila cause
Uno dei mali che affligge la giustizia italiana è da sempre la lungaggine delle procedure e ...
Abuso del diritto: 'condono' del Governo all'evasione sotto i 200mila euro e ai falsi sotto i 1.000 euro
Ancora nessuna fumata bianca per il decreto sull'abuso del diritto che doveva essere licenziato gio...



Random posts

Cassazione: no al licenziamento del lavoratore che durante l'assenza per malattia viene sorpreso a svolgere l'attività di cacciatore
Tradimento 'on line' tra le prime cause di divorzio
Cassazione: meno soldi alla ex se lui è malato. Ecco il testo della sentenza
Condominio: Fatta la legge trovato l'inganno
Siti porno in ufficio? Per la Cassazione c'è... un 'doppio' reato