Sei in: Home » Articoli

Separazione, no all'addebito della separazione alla moglie che lo tradisce con altra donna

omosessuali
Una sentenza che conferma ancora una volta come i tempi siano cambiati, quella emessa dal Tribunale di Milano, IX sezione Famiglia, il 19 marzo 2014 in merito al caso di una delle tante separazioni tra coniugi. Questa volta l'ex marito chiedeva che la colpa del crac familiare fosse addebitata alla sua ex moglie  che aveva intrapreso una relazione omosessuale con una dirimpettaia.
L'uomo chiedeva anche che le figlie fossero affidate a lui temendo che il comportamento di sua moglie potesse risultare dannoso per loro.

I giudici del tribunale meneghino non solo hanno evidenziato che il tradimento non è stato la causa della crisi coniugale ma hanno anche affermato che  il semplice fatto che la donna avesse scoperto la sua omosessualità non può costituire un danno per i figli.

I giudici milanesi hanno anche  messo in luce alcuni aspetti del comportamento del marito che avrebbe dovuto mettere al primo posto la sua responsabilità di genitore e non il suo personale vissuto. Le difficoltà a comprendere le scelte della propria moglie, spiegano i giudici di Milano, vanno sacrificate in considerazione del superiore interesse delle figlie minorenni che hanno diritto a mantenere rapporti con entrambi i genitori.
Sulla scorta di tale motivazione è stato disposto dunque l'affido condiviso.

Per quanto riguarda l'irrilevanza del tradimento ai fini dell'addebito giudici di Milano hanno sostanzialmente conformato la loro decisione ad un orientamento ormai consolidato della Corte di Cassazione, di cui abbiamo più volte parlato nelle pagine di questa rubrica (si veda la raccolta di articoli sul tradimento). Secondo tale orientamento, "una relazione extraconiugale non è sufficiente, di per sé, per addebitare la separazione al coniuge fedifrago. Ciò che conta, infatti, è verificare se la violazione del dovere di fedeltà coniugale sia stata la causa della crisi matrimoniale o se, invece, ne sia stato l'effetto (V. Cassazione: niente addebito della separazione al marito che ha avuto un figlio dall'amante.)

Frank
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF
(22/05/2014 - A.V.)
Le più lette:
» Eredità: 10 cose da sapere per una consapevole pianificazione successoria
» Risarcisce il cliente l'avvocato che dimentica di iscrivere la causa e mente sul punto
» Tradimento: quello "programmato" diventa di moda tra i mariti
» Mobbing e risarcimento danni: come dimostrare di aver subito una persecuzione
» Avvocato censurato se non assolve l'obbligo della formazione
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF