Sei in: Home » Articoli

Non è reato rendere 'creativi' i cartelli stradali

creativita stradale id13678
di Teresa Fiortini - Un writer francese che vive in Toscana era stato condannato dalla Corte d'Appello di Genova a scontare sei mesi di reclusione per via dei danneggiamenti che avevano reso inutilizzabili i cartelli stradali tanto da determinarne la sostituzione.

La Cassazione si è tuttavia "appellata" al Codice della Strada dichiarando che "la disposizione di cui all'art. 15 Cds - che punisce con una sanzione amministrativa il danneggiamento o l'imbrattamento della segnaletica stradale - riveste natura di norma speciale rispetto alla disposizione di cui all'art. 635 c.p. relativa ad una specifica categoria di beni, sicché la relativa condotta costituisce illecito amministrativo". L' artista è stato così condannato al solo pagamento di un'ammenda pari a 6 mila euro.

Un orientamento che farà ben felici gli appassionati della street art o semplicemente chi, passeggiando per le vie di Firenze, Milano e Roma, trova simpaticamente più armonioso e romantico il contesto urbano tra un cartello di strada senza uscita che diventa un Cristo crocifisso e un divieto di accesso che si trasforma in un poliziotto innamorato.
Teresa Fiortini
(05/06/2013 - Teresa Fiortini)
Le più lette:
» La buona fede contrattuale
» Decreto ingiuntivo: quando si prescrive?
» Rumori in condominio: quando possono fondare il reato di disturbo della quiete
» Avvocati: online la nuova banca dati gratuita
» Fino a 169 euro di multa per chi guida troppo piano
In evidenza oggi
Papa: società "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupatiPapa: società "stolta" che costringe i vecchi a lavorare e i giovani a restare disoccupati
Radiato dall'albo l'avvocato senza moraleRadiato dall'albo l'avvocato senza morale
Commenta
con Facebook
 
Commenta
con disqus
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF