Sei in: Home » Articoli

Non è reato rendere 'creativi' i cartelli stradali

creativita stradale id13678
di Teresa Fiortini - Un writer francese che vive in Toscana era stato condannato dalla Corte d'Appello di Genova a scontare sei mesi di reclusione per via dei danneggiamenti che avevano reso inutilizzabili i cartelli stradali tanto da determinarne la sostituzione.

La Cassazione si è tuttavia "appellata" al Codice della Strada dichiarando che "la disposizione di cui all'art. 15 Cds - che punisce con una sanzione amministrativa il danneggiamento o l'imbrattamento della segnaletica stradale - riveste natura di norma speciale rispetto alla disposizione di cui all'art. 635 c.p. relativa ad una specifica categoria di beni, sicché la relativa condotta costituisce illecito amministrativo". L' artista è stato così condannato al solo pagamento di un'ammenda pari a 6 mila euro.

Un orientamento che farà ben felici gli appassionati della street art o semplicemente chi, passeggiando per le vie di Firenze, Milano e Roma, trova simpaticamente più armonioso e romantico il contesto urbano tra un cartello di strada senza uscita che diventa un Cristo crocifisso e un divieto di accesso che si trasforma in un poliziotto innamorato.
Teresa Fiortini
(05/06/2013 - Teresa Fiortini)
Le più lette:
» Autovelox: obbligo di doppia segnalazione
» Avvocati: quali sanzioni in caso di mancato preventivo?
» Niente avvocati esterni per l'Agenzia Entrate Riscossione
» Legge Gelli-Bianco: un quadro di sintesi della riforma della responsabilità medica
» Video e foto sui social all'insaputa di chi è ripreso? Ora si rischia il carcere
In evidenza oggi
Equo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorieEquo compenso avvocati: quali sono le clausole vessatorie
Multa di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minoriMulta di 110 euro per chi fuma in auto davanti ai figli minori
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF