Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'azienda sfrutta il lavoro nero? Legittimo l'accertamento fiscale induttivo

La Corte di Cassazione, con la pronuncia n. 2593 del 3 febbraio 2011, ha riconosciuto la piena legittimità dell'accertamento fiscale con metodo induttivo nel caso in cui l'azienda sfrutti il lavoro nero. Il caso vede come protagonista una donna, artigiana pugliese, che aveva pagato in nero un dipendente, il cui stipendio non era stato quindi contabilizzato. L'ufficio delle imposte provvedeva ad un accertamento per le maggiori Iva, Irap e Irpef dovute; tale atto impositivo veniva prima annullato dalla Commissione Provinciale Tributaria e poi confermato dalla Commissione Regionale.
La contribuente proponeva allora ricorso in Cassazione affermando che il lavoratore in nero costituiva un costo deducibile. La Suprema Corte, rigettando il ricorso proposto dalla donna, ha precisato che non solo il lavoratore in nero non è un costo deducibile ma che tale circostanza fa senz'altro presumere un maggior reddito legato a un maggiore volume d'affari. Gli Ermellini hanno inoltre sottolineato che "il divieto di doppia presunzione attiene esclusivamente alla correlazione di una presunzione semplice con altra presunzione semplice e non può ritenersi, invece, violato nel caso, quale quello di specie, in cui da un fatto noto (presenza di un dipendente non regolarmente assunto per il quale la stessa contribuente ha ammesso la corresponsione di una retribuzione non contabilizzata) si risale - peraltro in funzione di una presunzione legale, seppur relativa- a un fatto ignorato (maggiore redditività di impresa e non semplicemente maggior costi per retribuzioni, come ha prospettato in memoria la ricorrente)".
(05/02/2011 - L.S.)
Le più lette:
» Sinistri stradali: l'auto va riparata integralmente anche se il danno supera il valore di mercato
» Case cantoniere e stazioni: in gestione gratis agli under40
» Divorzio: l'ex va mantenuta in nome della solidarietà post-coniugale
» Aste giudiziarie: operativo il portale delle vendite pubbliche
» Avvocati: polizze assicurative da adeguare entro l'11 ottobre
In evidenza oggi
Ciclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metriCiclisti: arriva il divieto di sorpasso a meno di 1,5 metri
Multa di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospettoMulta di 3mila euro per gli avvocati che non "denunciano" il cliente sospetto
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly Version of this pagePrint Get a PDF version of this webpagePDF